Acquisto di un dignicap oncologico: l’associazione Bianco Airone riceve dal Circolo Nautico Sambenedettese le donazioni dei visitatori del presepe

di STEFANIA MEZZINA

SAN BENEDETTO –  Andrà a contribuire all’acquisto del Dignicap, uno strumento che previene uno degli effetti collaterali più devastanti del cancro, quale la caduta dei capelli, durante il ciclo chemioterapico, l’importo che è stato donato durante le feste natalizie dai visitatori del presepe allestito al Circolo Nautico Sambenedettese dall’ormeggiatore Patrizio Corsi, sulla banchina della darsena turistica.

La somma è stata consegnata al Cns ad Ornella Vallesi, responsabile dell’associazione Bianco Airone di San Benedetto del Tronto: presso la sede del Cns, per la Bianco Airone era presente anche la socia Sabrina Annunzi, e per il Cns il consigliere Giuseppe Mattetti, con i soci Manrico Urbani e Pino Pirri, quest’ultimo socio anche dell’associazione di volontariato, e Patrizio Corsi.

“Il dispositivo ha il nome emblematico di DIGNICAP e il suo costo è di 30mila euro. E’ sicuramente un progetto presuntuoso,  – afferma Ornella Vallesi, –   ma grazie alla sensibilità dei donatori, si spera di riuscire in un breve tempo a raccogliere l’importo necessario. Ringraziamo quanti hanno voluto esprimere il loro sostegno: nonostante il Covid la somma raccolta ha superato quella del 2020. Ci appelliamo ancora al buon cuore di quanti vorranno donare, donando anche solo un euro: è possibile farlo, tramite il sito www.biancoairone.com. Ringrazio anche Patrizio Corsi, che tanto si è prodigato, sia nell’allestire il presepe che nell’accogliere i visitatori: a lui consegneremo la tessera di socio onorario”, conclude la Vallesi.

L’associazione Bianco Airone ha sede legale a Roma, ed è nata tra pazienti all’ospedale Sant’Eugenio di Roma. I soci volontari hanno avuto una storia di neoplasia personale o in famiglia.
Negli anni sono sorte sedi in diverse Regioni d’Italia: Lanciano, Massa Carrara, San Benedetto del Tronto e di recente, anche Fiumicino.
La realtà di San Benedetto del Tronto nasce nel 2012, con uno sportello di ascolto all’ospedale civile Madonna del Soccorso. Oggi i volontari sono 42 ed ognuno riveste un ruolo: al front-office del reparto Oncologia di San Benedetto si alternano ogni giorno 10 volontari. Si occupa dei trasporti del malati nei diversi ospedali della zona e garantisce una consulenza per le pratiche legali e burocratiche dei diritti e tutela del paziente.
Uno psicologo, inoltre, offre un servizio di consulenza terapeutica. L’associazione organizza convegni, congressi, eventi musicali, mostre, mercatini, cene sociali per raccolta fondi, corsi nelle scuole medie superiori, corsi di aggiornamento dei volontari, ecc. Alcuni giovani musicisti, inoltre, hanno formato il gruppo “donatori di musica”, per regalare al reparto momenti di dolce musica, durante la terapia dei pazienti.
Uno sportello di consulenza è aperto settimanalmente presso il comune di Grottammare, e da novembre 2020 è attivo uno sportello bisettimanale di Spinetoli (zona Pagliare del Tronto).
Per informazioni telefono 3428460441.

Commenti


commenti

Articoli Correlati

Loading...