La milonga di Paolo e Francesca – Omaggio a Dante e ad Astor Piazzolla alla Palazzina Azzurra

SAN BENEDETTO – Il secondo appuntamento della quarta edizione della rassegna letteraria e musicale In Art è in programma per martedì 10 agosto alle 21.15 alla Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto con la serata “La milonga di Paolo e Francesca – Omaggio a Dante e ad Astor Piazzolla”. L’evento è organizzato dall’associazione culturale Rinascenza, con la direzione artistica di Annalisa Frontalini, il patrocinio e il sostegno del Comune di San Benedetto del Tronto, del Consiglio Regionale-Assemblea legislativa delle Marche e dello Studio Latini di Alba Adriatica in qualità di sponsor ufficiale. 

“La milonga di Paolo e Francesca” è una rivisitazione del V canto dell’Inferno attraverso la musica di Astor Piazzolla. Verrà presentato, in anteprima nazionale, il libro “Musica e poesia della Commedia di Dante” (Infinito edizioni) della studiosa Claudia Di Fonzo, autrice dei testi e regista dello spettacolo, anch’esso in prima nazionale.

Le musiche di Astor Piazzolla saranno eseguite dal Klassik Swing Italian Quartet, la voce narrante sarà quella dell’attore Piergiorgio Cinì. Concluderà la serata il concerto “Remembering” del Klassik Swing ItalianQuartet (Günther Sanin, primo violino dell’Arena di Verona, Roberto Corlianò – pianoforte, Gianfranco De Lazzari, accordeon, Ivano Avesani, contrabbasso). Ospite speciale sarà il tenore Aldo Caputo.

Claudia Di Fonzo è una studiosa di Letteratura medievale e di Filologia dantesca e insegna Diritto e Letteratura all’Università di Trento. Nella collana dei “Quaderni di Studi danteschi 12” ha pubblicato il volume La Materia e la forma della Divina Commedia: edizione dell’inedito ciclo di lezioni che Pio Rajna tenne all’Accademia Scientifico-Letteraria di Milano nel 1873-74.

Si è occupata di esegesi antica alla Commedia e ha pubblicato l’edizione critica dell’ultima forma dell’”Ottimo commento – Chiose sopra la Commedia di Dante Alighieri fiorentino tracte da diversi ghiosatori”. Ha pubblicato una monografia su Dante e la tradizione giuridica per la collana “Letture cristiane del secondo millennio”, ha collaborato con Francesco Zambon all’edizione di una gemma della letteratura occitana, realizzandone il commento.

Nel libro “Musica e poesia della Commedia di Dante” che verrà presentato il 10 agosto e la cui pubblicazione è stata patrocinata dall’associazione culturale Rinascenza, la vicenda di Paolo e Francesca fornisce l’occasione per interpretare in modo originalissimo e in chiave contemporanea alcuni dei versi più celebri della Commedia ed è lo spunto per riflettere sulla scelta di Dante Alighieri di scrivere in lingua volgare, sul ruolo della musica e della retorica in poesia e sullo stile comico del poema dantesco, un poema che vuol parlare a tutti, a cominciare dalle donne, e che vuol parlare di tutto, in uno stile che sia capace di descrivere l’abisso del male, l’altezza del cielo e la profondità dei sentimenti degli esseri umani. La foto della copertina è un regalo della stimatissima artista e pittrice Claudia Cundari (si tratta della sua opera “Tra alba e tramonto nel cuore”, 2015, 80x80x4).

Piergiorgio Cinì si è laureato in Filosofia all’Università degli Studi di Bologna e ha conseguito il diploma di Recitazione presso l’Accademia Antoniana d’Arte Drammatica di Bologna. Ha seguito seminari con Dario Fo, Eugenio Barba, Leo De Berardinis, Gabriella Bartolomei, Gianfranco Rimondi, Marina Pitta, Salvo Nicotra, Giuseppe Caruso, Marisa Miritello, Paola Chiama, Marco De Marinis. Attore, regista, direttore artistico del Laboratorio Teatrale Re Nudo di San Benedetto del Tronto, con cui ha allestito più di trenta spettacoli e presso cui è anche docente di dizione, fonetica, impostazione della voce e recitazione, collabora con la compagnia Synergie Teatrali di Ascoli Piceno ed è direttore artistico dell’Incontro Nazionale dei Teatri Invisibili.

Ha collaborato come voce recitante con l’orchestra jazz Kaos Ensemble di Alfredo Impullitti, con Kenny Wheeler, Paolo Fresu, Cristina Zavalloni, Pierpaolo Marini, Argeo Polloni, il quintetto Sax 900, Rossella Marcantoni, Floraleda Sacchi, Olivia Stocco, Federico Paci.

Günther Sanin è diplomato in viola e violino al conservatorio Dall’Abace di Verona e ha poi seguito vari corsi di perfezionamento. Ha fatto parte di alcune delle orchestre europee di maggior rilievo, tra cui la Scala di Milano, il Maggio Musicale Fiorentino, l’orchestra Haydn di Bolzano, l’orchestra della Radio di Lugano, la Philharmonia Wien, e ha suonato con i più grandi direttori d’orchestra e concertisti nelle sale più prestigiose d’Europa, Russia, Giappone, Cina, Stati Uniti.Vincitore del primo premio assoluto “Città di Stresa“, dal 1999 è primo violino solista dell’Orchestra Fondazione Arena di Verona e primo violino del Trio e del Quartetto d’archi “Verona Lirica“, con i quali svolge un’intensa attività concertistica improntata prevalentemente alla divulgazione del repertorio operistico.

Oltre alla sua attività principale nella musica classica, Günther ha da sempre coltivato la sua versatilità anche verso altre forme musicali, dalla musica viennese al gyspy fino al tango argentino, collaborando con Luis Bacalov, Astor Piazzolla, Franco Battiato e molti altri. Questa sua passione lo ha portato a fondare il “Klassik Swing Italian Quartet”, con il quale ha intrapreso un’intensa attività discografica, si è esibito in tutto il mondo e si esibirà a In Art nel concerto “Remembering”.

Roberto Corlianò si è diplomato presso il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro. A dodici anni ha interpretato la parte di Giuseppe Verdi nell’omonimo sceneggiato televisivo, a quattordici anni ha esordito con l’orchestra dell’“Angelicum” di Milano, a sedici in “Sala Verdi” con la Fantasia Ungherese di Liszt, a diciassette anni ha eseguito la Totentanz di Liszt in Sala Verdi.

Ha ottenuto il Diploma di Alto Perfezionamento Pianistico e ha tenuto concerti con orchestra in prestigiosi teatri italiani ed esteri, tra cui “Sala Verdi” (Milano), “Auditorium Rai” (Torino), il Teatro Ponchielli (Cremona), il Teatro Argentina e Brancaccio (Roma), il Teatro Filarmonico  (Verona), Hofburg e Bosendorfer Saal (Vienna), Salle Maisonneuve  (Montreal), Steinway Hall e Alice Tully Hall (New York), Smetana Hall (Praga), Salle Cortot (Parigi), Sunport Hall (Takamatsu, Giappone),il Teatro Hermitage (San Pietroburgo). Ha partecipato a circa 150 concorsi nazionali ed internazionali, risultando sempre tra i primi classificati, ha suonato come solista con diverse orchestre, tra cui “Pomeriggi Musicali” e “RAI” di Milano, “Filarmonica Marchigiana”, “Orchestra della Radiotelevisione” di Lubiana, “Dvorak Praga Synphony Orchestra”.

Musicista eclettico e camerista, è anche compositore di “falsi” d’autore e proprie parafrasi, oltre che pianista accompagnatore del noto soprano Katia Ricciarelli. In qualità di direttore d’ orchestra ha diretto diverse opere liriche e vari concerti sinfonici e collabora con il Quartetto d’archi dell’Arena di Verona. Nel settembre 2016 ha ricevuto dalla Fondazione “Arena di Verona” il prestigioso “Golden Opera Award”.

Gianfranco De Lazzari ha studiato fisarmonica presso l’Istituto Musicale “Luciano Fancelli” di Mirano, ha vinto diversi concorsi nazionali ed internazionali, a Malaga ha vinto il primo Premio al “XXIX Trofeo Mundial del Acordeòn”, ha suonato nei “Gran caffè” di piazza San Marco a Venezia con formazioni tipiche del “Caffè Concerto” registrando un cd dal titolo “Venezia la Festa”. Con diverse formazioni musicali ha suonato in Germania, Austria, Olanda, Spagna, Regno Unito, Giappone, Cina.

Appassionato di tango, nel 2008 ha formato l’“Orquesta Caminito” con cui ha inciso il cd “Tango Km 0”. Oltre che con i “Klassik Swing Quartet”, suona con l’“Italian Accordion Quintet”.

Ivano Avesani è diplomato in contrabbasso al Conservatorio di Verona e ha lavorato con le orchestre “Arena di Verona”, “Filarmonia Veneta”, “Orchestra del Teatro Olimpico” di Vicenza. È stato primo contrabbasso dell’“Orchestra Città di Verona” dal 1999 al 2006 e a Venezia ha collaborato con l’ensemble della chiesa della Pietà. Ha fondato l’orchestra da camera “Archi Moderni”, facendo molti concerti e registrazioni, tra cui le “Quattro stagioni” di Vivaldi. Ha accompagnato celebri cantanti come Katia Ricciarelli, Giorgio Zancanaro e Cecilia Gasdia e ha partecipato ai festival musicali di Spoleto, San Moritz,Chur, Spalato, Dubrovnik.e Golling.

Aldo Caputo è diplomato presso il Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari e ha poi proseguito gli studi in musicologia. Ha debuttato al Teatro Politeama Greco di Lecce in “Il barbiere di Siviglia”, prendendo poi parte ad altre opere di Rossini tra cui “La Cenerentola”, “La donna del lago”, “La cambiale di matrimonio”, “Il Turco in Italia”, “Il viaggio a Reims”. Ha cantato in molte opere tra cui “La sonnambula”, “I Capuleti e i Montecchi” “L’elisir d’amore”, “Don Pasquale”, “La figlia del reggimento”, “Rita e Il campanello”, “Falstaff”, “Pulcinella”.

Ha calcato i teatri più importanti del mondo, tra cui il Teatro Alla Scala di Milano, il Teatro dell’Opera di Roma, il Teatro San Carlo di Napoli, il Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro Massimo di Palermo, la Filarmonica di San Pietroburgo, il World Financial Center di New York, l’Opéra Royal de Wallonie di Liegi ed è stato diretto da maestri di alto calibro, tra i quali Alberto Zedda, Franz Welser-Möst, Arnold Bosmann, Bruno Campanella, Giovanni Di Stefano, Bruno Aprea, Carlo Desideri, Fabrizio Maria Carminati, Giovanni Antonini, e registi, tra cui Pier Luigi Pizzi, Roberto De Simone, Cristina Mazzavillani Muti, Giuseppe Patroni Griffi, Marco Gandini, Filippo Crivelli.

L’evento è gratuito con prenotazione obbligatoria. In caso di pioggia si svolgerà presso il Teatro Concordia di San Benedetto del Tronto. A partire dal 6 agosto, secondo quanto stabilito dal D.L. 23 luglio 2021 n. 105 relativo a “misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche”, l’accesso agli eventi è consentito esclusivamente alle persone munite di Green Pass, fatte salve le eccezioni previste dalla legge.

Evento organizzato dall’associazione Culturale Rinascenza

Direzione artistica Annalisa Frontalini

Con il Patrocinio e il Sostegno del Comune di San Benedetto del Tronto e del Consiglio Regionale – Assemblea legislativa delle Marche

Sponsor ufficiale: Studio Latini gestione patrimoni immobiliari

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...