150 milioni di euro ai mercati agroalimentari: Il decreto del Ministero delle Politiche Agricole interessa anche il Caap- Centro Agroalimentare Piceno

SAN BENEDETTO – I vertici del CAAP – CENTRO AGROALIMENTARE PICENO il presidente Roberto Giacomini, il vice presidente Corrado Di Silverio e l’amministratore delegato Francesca Perotti hanno accolto favorevolmente il varo del decreto per lo sviluppo della capacità logistica dei mercati agroalimentari all’ingrosso operanti nei settori agroalimentare, ittico, silvicoltura, floricoltura e vivaismo, a cui sono destinati 150 milioni di euro nell’ambito della misura PNRR “Sviluppo della logistica per i settori agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura, floricoltura e vivaismo”.

“Le agevolazioni sono finalizzate a finanziare la realizzazione o l’ammodernamento di infrastrutture locali mercatali – ha detto il presidente del CAAP Roberto Giacomini – volte a migliorare, a livello locale, il clima per imprese e consumatori e ad ammodernare e sviluppare la base industriale”. Il decreto è la conseguenza dell’importante confronto instaurato da Italmercati per agevolare l’applicazione dei fondi messi a disposizione dal Pnrr.

“In particolare – ha detto l’amministratore delegato del CAAP Francesca Perotti – i progetti sono volti a efficientare e migliorare la capacità commerciale e logistica dei mercati, attraverso interventi volti a migliorare la capacità di immagazzinaggio, stoccaggio e trasformazione delle materie prime, a preservare la differenziazione dei prodotti per qualità, sostenibilità, tracciabilità e caratteristiche produttive; ridurre gli impatti ambientali attraverso interventi di riqualificazione energetica o comunque in grado di ridurre l’impatto ambientale delle attività di commercio e di incrementare la sostenibilità dei prodotti commerciati;

ridurre gli sprechi alimentari attraverso, ad esempio, il rafforzamento dei controlli merceologici e la distribuzione delle eccedenze alimentari; rifunzionalizzare, ampliare, ristrutturare e digitalizzare aree, spazi e immobili connessi alle attività e ai processi logistici delle aree mercatali; migliorare l’accessibilità ai servizi hub e rafforzare la sicurezza delle infrastrutture mercatali anche mediante l’utilizzo di tecnologie innovative e a zero emissioni”.

Il decreto evidenzia che i beneficiari degli investimenti sono soggetti, pubblici o privati, gestori di mercati agroalimentari all’ingrosso o altri soggetti aventi titolo alla realizzazione degli stessi interventi. Ogni progetto dovrà avere un costo complessivo non superiore a 20 milioni e non inferiore a 5 milioni. Le agevolazioni saranno concesse, nella forma della sovvenzione diretta, fino a un massimo di 10 milioni di euro per progetto di investimento, non superiore in ogni caso alla differenza tra i costi ammissibili e il risultato operativo dell’investimento (funding gap).

“Stiamo valutando – ha detto l’amministratore delegato del CAAP Francesca Perotti – di organizzare un incontro aperto sia alle istituzioni e sia agli operatori economico del territorio per analizzare insieme i contenuti di questo importante decreto e le opportunità legate al Pnrr per il settore agroalimentare”.

Paolo Merci, vice presidente vicario di Italmercati ha sottolineato che “la pubblicazione del decreto è il riconoscimento di un lavoro di squadra, che ha visto protagonisti tutti gli enti gestori della Rete Italmercati, guidata in modo impeccabile dal Presidente Fabio Massimo Pallottini, ben supportato dal Comitato di presidenza, dal Comitato di gestione e da tutti i rappresentanti della Rete.

Italmercati rappresenta a livello nazionale un formidabile esempio di aggregazione complessa in un settore dove la condivisione di strategie comuni, ben evidenziate dai vertici del CAAP, sono finalizzate in sintesi all’efficientamento energetico e alla valorizzazione delle eccellenze produttive del Paese. Per i Mercati ora inizia la fase due, quella della presentazione dei progetti, per la quale sarà importante la garanzia di continuità gestionale sia in capo alla Rete che dei singoli Enti gestori”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...