L’ Aiac Ascoli Piceno e Fermo festeggia il cinquantesimo della fondazione

SAN BENEDETTO – “E’ stata una gran bella serata”. Ha commentato così il presidente dell’ AIAC Ascoli Piceno e Fermo Maurizio Tancredi, al termine della riunione tenutasi presso il teatro San Filippo Neri. “Abbiamo degnamente celebrato –ha aggiunto- il cinquantesimo anniversario dell’ associazione allenatori calcio. Ospiti graditissimi sono stati il presidente regionale  Angelo Ortolani accompagnato dal vice presidente vicario Tonino Vento, l’allenatore della Samb fresco di promozione in Lega Pro Ottavio Palladini, Stefano Carassai, responsabile dell’attività di base del Porto d’Ascoli e Fabio Brini, ex portiere di Serie A e allenatore tra le altre di Ancona e fino a qualche mese fa Pavia. Presenti in sala anche il vice presidente provinciale Mirko Cudini e l’ex trainer della Folgore Veregra Luigi Zaini”.

Nel corso della serata sono stati proiettati dei video che hanno spiegato il perché nel 1966 si è sentita l’esigenza di far nascere una associazione degli allenatori e come questa si è evoluta nei suoi 50 anni di storia. E’ stato inoltre spiegato il progetto ‘AIAC EDU’ che ha come finalità quella di far convergere tutte le componenti a livello giovanile ossia, giovani, allenatori ma anche genitori in modo tale da cambiare il modo di vedere il calcio sin dal basso.

“Gli allenatori intervenuti – ha spiegato Maurizio Tancredi-hanno dato vita ad un dibattito sulle difficoltà che hanno gli stessi nel riuscire a gestire i ragazzi ed il loro passaggio dal settore giovanile alla prima squadra nei modi e nei tempi che possono essere ideali. E’ emerso che nel calcio di oggi si ha sempre meno tempo e voglia di investire nella crescita del giovane in quanto i presidenti vogliono avere subito risultati ed è proprio in quest’ottica che si inserisce AIAC EDU”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento