Un braccialetto per la sicurezza dei pazienti negli ospedali di Ascoli e San Benedetto del Tronto

SAN BENEDETTO – Un braccialetto per l’identificazione certa e univoca del paziente. Un servizio in più messo in campo dall’ Area Vasta 5 per garantire maggiore sicurezza e tutela ai pazienti ricoverati negli ospedali di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto.

“Uno strumento –dice Cesare Milani, direttore generale Area Vasta 5- che permetterà non solo agli operatori di identificare i pazienti ed i documenti relativi sai trattamenti ma può anche facilitare numerose altre attività di identificazione e monitoraggio e raccolta dati che richiedono l’immissione di dati accurati. L’introduzione di questa innovazione sarà pienamente efficace con l’attivazione in tutti i reparti della Cartella Clinica Elettronica, già utilizzata nell’ 80% delle unità operative dei nostri due ospedali”.

Ma come funzionerà questo braccialetto elettronico? “Tutti i ricoverati –spiega il dott. Massimo Esposito– lo indosseranno. In questo modo si consentirà di tracciare in modo certo e sicuro tutte le attività cliniche ed assistenziali. Dalla prescrizione e somministrazione della terapia, l’identificazione dell’ accesso alle sale chirurgiche, fino alla localizzazione all’ interno degli ospedali. L’uso del braccialetto identificativo che verrà rimosso solo alla dimissione del paziente è uno strumento utile per tutelare la salute dei cittadini, riducendo il rischio di errore, durante il ricovero in degenza, in sala operatorio, in diagnostica e in terapia intensiva. Inoltre la struttura potrà sfruttare una serie di tecnologie connesse per migliorare la risposta all’ accesso da parte dei professionisti sanitari oltre che garantire la sicurezza e la qualità delle cure. Migliorerà la qualità della presa in carico del paziente”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...