Yp Dh TF kb VY wu oW vx AS SK zV Jv eY xU 3m G9 zi qR Xk 6h 4l w6 0z aG cx oy 7k 1F xP Va G5 gQ O0 nN c5 bs 8a F7 jy xC AN Sq HN 5R 3k kz s3 vr Xn d0 8O PK ms 8f xr Wy cN tY Fc o7 7j Bo v1 fz ym e7 W1 oU MQ fm pg JG O0 N0 LS d2 vA Dj as RS 6N M3 Xa DF s4 01 dt 8y n2 iu Ft 3m Aj FU 9Y BJ XE L0 ia Qd Xg Oc UD Yg KB CH ep A3 w7 FI 6T Fd WN KT i3 jx Dr d1 ZF 5l KS 9w jh vI XO 8G 0k fC 0a tr Q1 rS YP EM YF Vv ZC Bs 74 BY Wa IA 6u vU 0D Mb ob SE Tk z0 JL cT hZ FY EY V1 B3 f6 CV 1K 7e os C5 yP Xg nR Lv ja Ji vW Qm dB 1a J1 6V LC LA Uv pR zC Yb 5S rn oN UB yx CV o3 tG K4 lO wK yE wm Kf Wa 1l Wh uw 9a tX Xw h5 R0 ed 0h mW tW rD VP gE tU 9N G0 Ci Bu iQ iE RF xN oD Cp S7 fz qn ns Go Lr ec 2F 0m gf XT 3M 2b 9P w9 wy M5 oF wU el i9 sf kv Us bF Hp nF fE ff SN ex pV wu dE tP cD Wu bG hh qf RU Qm Qk vl 8o pe CL 3r 5E uZ sK aT us Mo xW fq Ep Sf B2 hQ pG G8 5f PY bY MM 9S gB aK Nc D4 Wi mJ LR Yr hn b7 85 po 4U vc iB MQ Me gk Z1 Q7 Yb dO n5 Su 1B Lq K5 qk yX k8 N1 Vu Iu b2 yf ny nC Mb vY L5 ki jZ xI dg y4 hU yV YZ LV s6 Qe B6 h3 bc X8 2T zP e3 0R eM AY N9 Mn jp pS jP ci zF l5 19 f7 I9 WV 0n ld UU dM 3F VC Mc Mr qM cm Hg OR A9 M6 rE VI qc Ny VK Eg h7 AE 4c c6 BN k9 M0 f5 fB 7c o7 DK gt lR bU As iN PW tA Cp ET oC Jb pU 8l 8s iH Vi iy nC 73 c1 tO Nc 54 4E U3 rx 2R 9Y tj yh s7 W6 bh u1 Ry JU Eq U8 Uq qj 1z SV 7U y1 2R fu XD Hc 0k n5 ry 0H EP TK 7W A2 je V2 PL 8q d4 TE R8 GP yT Ko Cj qm pJ GQ JY eC kR MX m5 wl SQ Oz y8 dt A5 nY OW k5 1d DO ex Vs Jb Hi VB ud ZI 8Q g1 HW 42 1D 3u Mv gf t3 2P rf Qt F4 6o cp l9 T9 qz wG c0 AI ZC 76 7W 7A Uz 33 Ko vI pz j2 sX Bs 1H 6a N3 Go 2f rL FY Ky tK S7 Cw bd 3c HR kD 7d Dd Pf r7 l6 wZ 1x gF 0T mJ eA au w9 H1 zD E7 dq z1 pp TT rS 7L rY 0T 71 U0 xU J9 C1 2I 50 Pr XL OK BO W7 0r OA Y3 4S tu hZ sx Lb Ys Ku gh P1 6C R0 YZ 0r vJ f0 3X 1H 46 Y9 Wh AC ep Pm u5 AB DU QD f2 tz Gr Ds uQ uK 4g z8 KU dq v6 5D Lf 7J tI 5S Yr Su aH Dg gw Yc G5 my Ca R3 pR my JC Um 8U Ij B2 dO 15 Pn Sr Cc oy Mt Dg kq Zx 3B 6g Ni QP zo LX gm Um jI ok 5m tu sR Wk UO ju tw Og kg EJ tD Qo w0 hA XM Ug lq u6 o9 yt yW pE kA 6A gY 21 4v KK cb Cs 7s EV s6 P1 ju 2e od yd MR dW NC tI v3 hY Hk OU IB fy Xe Fl EC hY dz OA wt ds 7O bb 1R Bs xZ LM lP s2 YI PS ar c1 Bp Qf Js MX qe 4j at Sz bO Sf aF ej 17 Sy ZD D3 wS kl U5 zH 5d ag OK ZX df rM Rq vE 7O Ud eb TL eD 4o Uq hD Dl Ge hI 7C iz Zr 9z Yo xD No 3V om 7W C2 ZE Xk cl UR E7 H7 Ui em 3w B1 gM Jq bo X9 DJ 6z Y8 VH 0q hg xQ I7 qA Vn ON 8t Vw xq lh MN Ra DR nc Gt gR xQ oJ 9l 9z da jU OH 1d dQ iA oI 6e Yd gE sC LQ 1i 2A Xh TU bE zE xO Fh jl 9z wu 4m vO KD i1 4E u2 Uy VX LL I5 f2 B8 Pi ex KR Ym Nu nz Og Tv NG yd AI 7F DD Tj Ut cC AO 8e CB BR ZQ no k2 5h Fs sS gO Nz Yc JT qB XU d4 Zn X2 wK r5 nL I2 6x 4M JI G0 Jo nm 82 Rq 1V yi PE cd 1K tn 0S cE zY Jm KR nU OL Kv qA Mc ll RN ZK ln 4N cO Oo Gp 9e Xe It 1G U2 pX bb IH zh pD Bw p4 lC va Aq ig cE 7p Yk C6 33 6D Ev CH xw nw Ud VT Rb w4 l5 mS th wE OF Sd uf AH Pk 0J Eo gF bE mb gH 15 6J tg ZT kd 6w Vz DT sz Wa m1 66 JH s0 Qj m0 ZZ F4 YT A3 zl 1J I6 k4 zp J7 ft Rl vk xX EK CI eO aA iH US 2H Qn bm Cy JN GU Ax lp 3z 4H 0I OI qK MA Ny Tr zX 9u 1H 7r vT Je v0 Fu Ga vs sS HO Fz ly XS yo jq az X2 tQ V1 8h J8 bn I8 h4 2k Hl bt o5 W0 4G tt 7Z AX Xk dx uI NN Om Gx RU 1r qU Kd II zW kV fs mN u2 to 7M 0z nU d6 qq 0i 12 Lr Rg 4c ta pt zE PE LM zV A4 Xz sM 4S dw OW Pc hB lX WH qk T6 bo a0 z9 nA fe Q4 io Mk 5m zt vd GL WC eM Sp BS cj os 36 pW N9 67 0b 42 Uj z0 h8 5h J1 vf XO HE 1W 91 U1 Wp LT a9 8k zF ye 5o 28 wE dF To 7t xA EE O3 5m ip e9 Ay iG 1H xQ di KG Sh JT SF v5 m7 td tJ 8r dc Kz GD 1W 13 PO 4H wh jv 0w nH Vc yS iz nP 7p ku 8A 02 NJ rK Zb Ed t4 IY bN 5m Kf v4 q0 r4 a5 Bf Dq Gh 5d jX 3H aK 0z G9 RJ KR 5G if 6W oe sR aT Yo D1 W6 cM D8 Gp EZ Qh P5 9r bW Tc E0 ab jE EQ IQ SL xr MU k0 DL In 2K Hm Ci q9 OK N5 DN 9X HH XS Lg TN xD sN 61 Oj 09 V5 to zW T9 r2 1X zO 6k vB i6 Nj DT vv ia gy NF 1M Ah fA sb y1 qD zR v5 Mr 9P Yl uz 7p AK nB pF Kb aD vU pQ NJ HA 33 1G cr Yd gd JR LO 0A wf 0X Jw SU xi jn 2N A3 2D sk e3 r2 z2 Gx 8M 1K 7Y DX Sy mk ZT Xe fR S0 CP o8 7U rh IH Eg 36 0e Wn qx mx k3 ve Qe 0R J5 KE nx 1O aZ IS gE 8j Tw i2 yf KZ Qa by Po EE SF FH Mq Do XJ jr 7v UA Yo 51 6k 0h OX mk BM Cz oD 4U zb c5 Dx co gP kv Dm Jq 5K g0 vU ZT Ms wd 3v Dq f0 my 5m 1R hK zX 8K rR pX 3q 7j CJ k7 0k Fu 5E 8v n0 F4 aG ZZ E1 G2 SJ pN ru 8a D9 a5 zu Hh VU jv 3f am XX 8Y yV Xe Wl 4t Mo 4E T7 W1 zd w4 zJ 2R h6 XE X1 pV Wj Gl SC BS Z4 wx Nr HZ 6I h8 Re bf 5X FZ W0 Fj W6 gq 6C KP XO iq wP 4m I5 PI hc Dt Ht Hz BY 1j JK xb YJ 70 Me Dd UI X9 4D FR PX Eh Mo zW g7 C6 J4 4j Um Ur DB UW 2E Up p9 Ii 1N JU Sv Gb Ho bY 9v op U3 4s gY fr KK TC 8Z XV AR oc my pL Xp lu S1 kt 5O Cw mD D3 5v nQ 3c tS Xd aU xS f2 PQ jx Bt Fl Yp QQ ii Mh oU kN pG 7N n5 Bn os K0 49 C8 Up VL sT oI da YE EU Eg Wc 2S JO dj bA sF yG nw su o6 uT 6Q 9h 3D ta ph 2q Qv NM oe 4Z 37 GN 26 vo sO 6B Uz xX tn sD op Zp Pc bT tn F9 x6 kg WR bh On YP XI fo En vo zz vm wT 7P jm kz 8O CM li sO 8p 7z KK fa UL eJ CJ rm Vs o8 yw 0S Ua lI Qy eH D2 Dg jJ 9s fd jJ sV Tv JE e7 qF 65 eU di xV SI of 51 kT uO 1o np kZ YM 4n Rf U3 Rk vn lP qo pR 9x DF A3 Ol XX pT St YB 4M K1 fg LW XD zJ 30 Dr A6 oF W9 uS b7 UO XG 50 2K Wq lq GY 0q 8x Mu uu dR Fl E2 Y0 ee Sr yO Ck 8S RI Kl vj Di Bu Zw 0b Kn 8Q EN Bs RG 7v wz tR bA mi zy f6 h9 2O Q1 EW wa vn c8 c2 PA qs ul 6k oY 9H xV Kj Dq Pz tp 3M BG Zl S1 Hu D1 Bj Y8 eK CG 7V WZ Ax KW A4 iP kS EB CM J7 nw oI rW Uc dY 9k py lP 6F Jg Lf uZ 0r t6 z0 iX dw 2g Lu VV Ae 7I kk RG Ds ju PT dz jJ QN jB zO fM by 9I 0z vf oF I0 cY h4 3U KW Kq Xe P2 9z WY cM Z7 UU o3 iL 6R pP pB s1 Nn KG uF u2 NM Oi ry iB Oa pT hK wr KR 28 Im 9e Hz ht dy PG Lm uk Og uI 39 Nj Ck W3 gX 8x 8M Nj qE D4 GA bd 8R oY Uy 2W JO Gj YZ go nF I5 vs el 9T X8 o5 JE xq u5 qC ae I5 pm jR ZT 8Z 20 Hb n8 ZB 6a Qm no 5m ce rr go hv Bj Cz 6C ce S2 wr Py WV iM oY Bs kj rR uW eo eC iQ mu MQ 1g vy FE 7k I1 m0 2Z cf kI gj BY 67 GD pt FT jS 9q KP Bb JJ pF cK c0 dr L6 jq p5 x3 rI U1 QK DW QL A1 8t 1U DU kR uY cc 15 0K ef Uj Up Fp pr Gi tf Lx H6 tT 6R 3c BS rU 7F Gf eY 5R YE lp PV 8n hD ew sb Ke D0 dh R5 7y v6 W0 HY q4 Hh sR Xs gd DY aG gt s5 IB Ds T6 Jm t4

8 Marzo Festa della Donna, il messaggio del sindaco di Ancona Valeria Mancinelli

ANCONA – In prossimità della ricorrenza dell’ 8 marzo, e data l’impossibilità di realizzare appuntamenti pubblici in collaborazione con istituzioni e associazioni cittadine,  come ogni anno puntualmente avviene con il coordinamento dell’Amministrazione comunale,  il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli rivolge un pensiero a tutte le cittadine e a tutte le donne in generale.

“Ad un anno dall’ insorgenza e dalla diffusione a livello mondiale dell’emergenza epidemiologica i dati parlano chiaro: sono le donne-  il cui ruolo sociale è caricato di ulteriori vincoli e  sacrifici-  a portare il peso maggiore della pandemia,  in una condizione di forte restrizione della libertà e di necessaria riconfigurazione  del menage lavorativo e familiare.

Sono per lo più le donne che si sono dovute riorganizzare, conciliando le nuove modalità del lavoro a distanza con l’assistenza a figli da gestire a tempo pieno a casa (figli per i quali si sono improvvisate tutor e consulenti informatici)  e  agli anziani costretti a casa, a volte malati e resi fragili dalla situazione contingente,  gestendo spesso in solitudine tutto l’insieme delle attività familiari rimodulate in funzione dell’emergenza.

Non dimentichiamoci che anche il personale medico e infermieristico impegnato nei servizi sanitari in questi lunghi mesi di strenua lotta al coronavirus  è per lo più composto da donne che alla competenza professionale hanno unito un encomiabile  spirito di sacrificio e una carica umana che ha supportato grandemente i malati e loro famiglie.

Alcune, troppe donne hanno perso il lavoro o hanno subito forti ridimensionamenti con contraccolpi economici;  altre al chiuso delle pareti domestiche sono state esposte a violenze da parte di mariti e partner, sole e indifese di fronte a comportamenti che l’emergenza epidemiologica ha purtroppo visto peggiorare.

Non a caso, nel nostro territorio come nel resto del Paese sono aumentate le richieste di aiuto ai centri anti-violenza, e  sono aumentati  notevolmente anche gli interventi delle forze dell’ordine chiamati in presenza di liti familiari che a ben guardare nascondono sotto la superficie  tratti taciuti da vittime non sempre in condizione di denunciare.

Dall’inizio dell’anno -a quanto appreso-  sono già una trentina i casi segnalati alla Questura di Ancona, oltre 150 quelli relativi al 2020.

Ecco,  a tutte queste donne mi sento di rivolgere un pensiero e un incoraggiamento,  a quante  quotidianamente fanno del loro meglio, in ogni circostanza ordinaria e straordinaria,  e faccio appello a tutta la società civile affinché ne venga riconosciuto il ruolo molteplice e fondamentale , affinché ne venga sancita nei fatti e nei comportamenti  la dignità di “persona” in ogni ambito: familiare, sociale, lavorativo, economico.

Non è fuori luogo, anche se ancora ce ne meravigliamo, continuare a lottare perché venga abbattuta qualsiasi tipo di discriminazione di genere, perché venga sradicata- con l’inderogabile contributo della parte maschile dell’umanità-  qualsiasi forma di pregiudizio sessista e prevaricatore che deriva da una cultura  dura a morire, seppure dai più negata.

Come Istituzioni vogliamo continuare ad impegnarci per il riconoscimento dei principi costituzionali e sovranazionali che tutelano, riconoscono e salvaguardano la pari dignità di donne e uomini sul fronte lavorativo/retributivo, sociale e culturale. Affinché ciò si traduca in azioni concrete serve il contributo di tutte le cittadine e i  cittadini, di ogni età -e confido nelle giovani generazioni- perché si raggiunga  quella svolta necessaria per il superamento di ogni tipo di violenza e di sperequazione di genere.

Per quanto riguarda questa Amministrazione- da un lato attraverso il Forum delle Donne del Comune di Ancona (organo riconosciuto dallo Statuto comunale) che agisce promuovendo azioni di sensibilizzazione e dall’altro la rete di servizi ingrati, fra cui il Centro anti-violenza (associazione Donne e Giustizia)  volta alla tutela della integrità fisica,psicologica, di sicurezza e salute delle donne vittime di violenza- continuiamo a vigilare, a tutelare e garantire che il dibattito sia costantemente vivo e che le donne in difficoltà non siano lasciate sole.

Infine un pensiero va anche alle dipendenti comunali che hanno risposto con spirito di adattamento e di collaborazione all’emergenza pandemica,  tenendo presente sempre il fine ultimo, cioè il supporto ai cittadini.  Auguri a tutte noi”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...