Ad Ancona va in scena il futuro del verbo abitare, nascerà Domus Passetto

ANCONA – L’avvenire delle costruzioni sbarca nel capoluogo marchigiano. Un edificio in uno dei luoghi simbolo della città anticipa la normativa che obbligherà, a partire dal 2021, a realizzare abitazioni ad energia quasi zero (nZEB). S

i tratta di Domus Passetto stabile che coniuga tecnologia, rispetto dell’ambiente e sostenibilità, con vista mozzafiato sul mare e in perfetto dialogo con il monumento che, dal 1930, identifica piazza IV Novembre.  L’edificio pensato da Domus Officina, azienda specializzata in interventi di pregio e messa in piedi da Donato Caroprese,  è volutamente differente su ognuno dei quattro fronti così da instaurare un rapporto equilibrato tra pieni e vuoti sulle facciate a seconda del contesto e dell’ambiente circostante.

Pareti massive, schermature solari e aperture ridotte sul fronte sud permettono di ridurre a percentuali mai viste il fabbisogno energetico. Ogni unità abitativa, compresa l’utenza condominiale, accede a fonti di energia rinnovabile per la copertura dei fabbisogni elettrici, estivi e invernali, mediante l’installazione di impianto fotovoltaico studiato appositamente per ridurre al minimo i consumi e per valutare le dispersioni (compresa una colonnina di ricarica elettrica per auto nel box di pertinenza).

Alla produzione di energia pulita si affianca una considerevole  riduzione degli sprechi.  I sei appartamenti di ampia metratura, due per ogni piano, più un magnifico attico, sono delle vere e proprie case intelligenti (smart home). Chi le abita, grazie alla gestione di dispositivi domotici interconnessi, riceve benefici e facilitazioni che aumentano comfort, risparmio energetico, sicurezza: accensione delle luci, apertura porta e tapparelle, gestione della climatizzazione, sistemi di comunicazione e sistemi di sicurezza che dialogano all’interno o verso l’esterno, anche da remoto attraverso smartphone, tablet o pc. Il capoluogo dorico si appresta ad avere un immobile innovativo in grado  di condurre il futuro nella concretezza dell’esperienza quotidiana.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...