Concorso di Poesia

AGES 2.0, IN REGIONE LA CONFERENZA FINALE INTERNAZIONALE DEL PROGETTO EUROPEO

AGES 2.0, IN REGIONE LA CONFERENZA FINALE INTERNAZIONALE DEL PROGETTO EUROPEO

Presso il Palazzo Li Madou della Regione Marche, si è tenuta la Conferenza finale internazionale del progetto europeo “Activating and Guiding the Engagement of Seniors through social media” acronimo AGES 2.0 dal titolo: “Elderly and “Social Media” innovative communication systems for care: AGES 2.0”, in cui sono stati presentati i risultati della sperimentazione. L’evento internazionale si è svolto in lingua inglese e italiana. L’ARS (Agenzia regionale sanitaria) svolge formalmente, a livello europeo, il ruolo di partner coordinatore del progetto; gli altri partner sono: Fondazione Giacomo Brodolini (Italia), Cooperativa Labirinto (Italia), University of Exeter (Regno Unito) – Somerset Care Group (Regno Unito) – Torbay and Souther Devon Health and Care NHS Trust (Regno Unito). Il progetto nasce dalla considerazione che le persone con più legami sociali presentano ridotti tassi di mortalità e morbilità e che le persone che interagiscono, in maniera significativa, a livello sociale, sono più sane, più felici e vivono più a lungo. Sperimenta l’utilizzo dei social media per valutare la possibilità di migliorare il benessere psico-fisico degli anziani, pertanto risulta essere coerente con le politiche regionali di settore. AGES 2.0 mira a sviluppare e testare approcci innovativi per promuovere una migliore qualità della vita e migliorare le interazioni sociali per la popolazione anziana in due Paesi: l’Italia e il Regno Unito (UK). L’idea centrale del progetto è che dare ad anziani vulnerabili la possibilità di utilizzare un programma informatico modificato e sviluppato appositamente per loro – PC Facile – e dare loro la necessaria formazione e sostegno per utilizzare questo programma, in modo da consentire di interagire socialmente via Internet, potrebbe avere benefici significativi sulle loro capacità cognitive e mentali e accrescere il loro benessere psico-fisico. Il progetto sperimentale è finanziato dalla Commissione Europea DG Occupazione, Affari Sociali e Inclusione Sociale e fa parte del programma specifico.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento