Al progetto Giocare insieme del Comune di Macerata il Premio persona e comunità del Centro studi cultura e società di Torino

MACERATA – Un importante riconoscimento al progetto del Comune di Macerata Giocare insieme è stato assegnato dal Comitato scientifico della sesta edizione del Premio persona e Comunità, promosso dal Centro studi Cultura e Società di Torino per valorizzare e diffondere le migliori esperienze realizzate dalle Pubbliche Amministrazioni e dalle organizzazioni di volontariato in tema di promozione del benessere e della cura della persona.

Nei giorni scorsi a Torino, nell’ambito del Convegno nazionale La centralità della persona nei migliori progetti della Pubblica Amministrazione e del volontariato, si è svolta la cerimonia di premiazione che ha assegnato al progetto del Comune gestito dalla psicologa dei Servizi sociali del Comune Milena Foglia e dai volontari del servizio civile, la Segnalazione di buon esempio per la sezione cultura, socialità e tempo libero.

In particolare Giocare insieme è stato premiato per la capacità che ha avuto di valorizzare la genitorialità comunque presente anche nelle situazioni di fragilità e di dare visibilità al servizio sociale non solo come cura di disagi ma anche luogo di creazione di benessere familiare.

Svolto nei locali del Centro per Famiglie di viale Indipendenza, infatti, il progetto  ha messo a disposizione delle famiglie uno spazio accogliente per favorire il gioco e la condivisione di esperienze al fine di stimolare lo sviluppo individuale e le relazioni familiari attraverso lo svago, l’ascolto ed il confronto.

Oltre alle attività ludico ricreative ci sono stati momenti di confronto su  problematiche legate all’essere genitore con l’offerta di un sostegno utile ad affrontare al meglio i cambiamenti e momenti di crisi legati  al difficile ruolo educativo del genitore.

“E’ motivo di orgoglio per il Comune ricevere il Premio persona e Comunità- afferma l’assessore con delega ai Servizi sociali Marika Marcolini -perché conferma e rafforza il nostro impegno verso il sostegno alla genitorialità, il nostro essere vicino alla famiglia e agli adolescenti. Il riconoscimento premia anche le competenze del servizio Sociale del Comune e il suo ruolo di prevenzione di situazioni di disagio e vicinanza ai nuclei familiari per dare loro forza nello svolgimento di un ruolo difficile e sempre in evoluzione quale è quello del genitore”

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...