Alessandro Belliere, l’ottantacinquenne podista in marcia da Genova a Palermo, fa tappa ad Ancona

ANCONA – E’ stato accolto questa mattina nell’atrio del Municipio dalla presidente del consiglio comunale Susanna Dini,  Alessandro Belliere, il  popolare podista bolognese  prossimo all’ 85 ° compleanno,  protagonista della ennesima sfida con se stesso nell’attraversare, zaino in spalla,  l’Italia da nord a sud per un tratto di 4250 chilometri.

Negli ultimi 4 anni  (a 80 compiuti, perciò) ha percorso 16.000 chilometri in lungo e in largo attraverso il Paese senza contare i viaggi in ogni parte del mondo, da instancabile camminatore, curioso osservatore  e amante della natura. Paracadutista dal 1955, subacqueo esperto ( si è più di una volta cimentato con gli squali )  Balliere, di origine francese, vedovo,  padre di tre figli e nonno di due nipoti, è partito da Genova il 28 maggio scorso con l’intento di raggiungere, sempre e solo con l’aiuto delle gambe (eccezion fatta per il traghetto per le isole), Palermo il 24 ottobre, giorno del suo compleanno, che festeggerà con la sua numerosa famiglia.

Una vita all’insegna dell’avventura: non  accontentandosi del suo impiego di assicuratore  Belliere ha attraversato tutti i continenti ad ogni latitudine, vivendo esperienze incredibili, incontrando paesaggi, popoli e animali,   in passato senza l’ausilio delle tecnologie contemporanee e perciò con grande coraggio. Ricorda oggi la volta in cui si è perso nel Gran Canyon  alla ricerca di un arco roccioso particolare da fotografare, avendo dimenticato alla base borraccia,  gps e radio transistor,  con gli elicotteri che lo cercavano in lungo e in largo dandolo ormai per spacciato e  di un’altra volta in cui venne sequestrato dalle milizie rumene nei drammatici momenti della morte di Ceausescu.

Ospite tuttora di celebri  trasmissioni di viaggi, avventura e natura, all’anziano atleta- che dimostra molto meno della sua età e dichiara una invidiabile somiglianza con l’attore Anthony Hopkins-   spesso si aggregano spontaneamente lungo le tappe del suo peregrinare  altri sportivi e appassionati normodotati e non  che con lui condividono la gioia del camminare e della sfida- ma anche personaggi della politica e dello spettacolo.

Sportivo ed energico, Belliere è infatti anche un simpatico e  spiritoso  compagno di viaggio, con tante e aneddoti  storie da raccontare. Sempre sensibile al fascino femminile (racconta di fare tante conquiste ancora oggi durante le sue imprese)  Alessandro Belliere si dice mosso dal  desidero di incontrare  giovani, anziani e diversamente abili per trasmettere  un messaggio  di ottimismo, speranza e grinta  in favore dello sport e della sana attività fisica, quale antidoto all’invecchiamento e alla tristezza.  “Un atteggiamento positivo verso la vita-  ripete spesso-  permette di  invecchiare bene e di sconfiggere i limiti dell’età anagrafica”.

Nel corso della visita, affiancato dai colleghi paracadutisti Riccardo Massili e Alfredo Russo, Belliere ha effettuato un giro di Ancona con il trenino turistico esprimendo ammirazione per le bellezze del capoluogo.  Zaino in spalla ( 5 t-shirt, biancheria, felpa e scarpe di ricambio, in tutto 7 chili)  stasera pernotterà all’Hotel Fortuna e domani riprenderà il cammino per Jesi, indomito come sempre.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...