Ancona, il Movimento Cinquestelle punta l’indice sull’ antenna Wind a Collemarino

ANCONA- “Il Comune ha vinto? No hanno vinto i cittadini che hanno lottato contro l’obbrobrio deciso altrove”. Questo il parere di Daniela Diomedi consigliere comunale del Movimento Cinquestelle di Ancona. “Ancona è terra di nessuno -aggiunge- tant’è che la Wind ha fatto e (forse) “disfarà”, perché i cittadini, e non il Comune, si  sono messi di traverso contro l’antenna piazzata in “bella” mostra sulla rotatoria”.

La Diomedi ne spiega i motivi. “Il Comune ha “vinto” perché si è aggrappato all’unico appiglio concreto  ovvero il sovradimensionamento della base su cui l’antennona è stata alzata.  Il Comune, infatti, si è accorto che era stato “fregato”, ovvero che la WIND aveva occupato 20.25 mq invece che i 10.40 concessi. Se i cittadini di Collemarino non avessero fatto “scalmazzo” certamente  nessuno avrebbe trovato nulla da dire e la Compagnia telefonica avrebbe lucrato sul la metà del canone calcolato su 10 mq e non su 20 mq”.

Ed ancora. “Viene da chiedersi: ma chi in Comune  controlla che quanto viene realizzato sia conforme a quanto concesso? Ci volevano i cittadini di Collemarino perché l’amministrazione si riprendesse dalla distrazione?  Evidentemente , e i fatti ci danno ragione, si. Nella sentenza è stabilito che questa infrazione comporta la decadenza dalla concessione; tutte le altre richieste del comune, i ritardi nel pagamento del canone, l’incorporazione della società  cui è stata rilasciata la prima concessione in un’altra sono state respinte. Tant’è che le spese del giudizio sono state compensate. Adesso -conclude la Diomedi-aspettiamo la rimozione; salvo ricorso e richiesta di sospensione. Poi festeggiamo!”.   

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...