Concorso di Poesia

Arredo Urbano a Fermo – Parla l’Asppi

Attrice indiana a Fermo per uno shooting in centro storico

Arredo Urbano a Fermo – Parla l’Asppi

Mentre i cittadini, per la stragrande maggioranza piccoli proprietari
immobiliari, sono alle prese con il pagamento di Tari-Tasi e altre scadenze cicliche, l’amministrazione comunale torna a parlare di arredo urbano, con gran parte di ciò che sarà deciso che peserà sulle tasche dei piccoli proprietari. Periodicamente abbiamo letto sulla stampa delle discussioni sul nuovo regolamento dell’arredo urbano a Fermo, oggi la nostra Associazione è venuta ha conoscenza che l’assessore Montanini ha convocato una moltitudine di associazioni per discutere una bozza di tale regolamento, dimenticando proprio le Associazioni dei Piccoli Proprietari Immobiliari, compresa l’Asppi. “All’assessore Montanini – si legge in una nota dell’Associazione – vogliamo ricordare che gli attori principali dell’arredo urbano cittadino, tanto per intenderci quelli che poi si troveranno a pagare, sono solo e unicamente i cittadini/proprietari guarda caso gli unici che l’amministrazione comunale e l’assessore Montanini si sono dimenticati di
invitare al tavolo della discussione. Com’è possibile che per un regolamento di tale portata, del quale si parla da decenni e che vogliamo ricordare non riguarda solo Piazza del Popolo ma tutto il centro storico, i cittadini proprietari d’immobili non sono stati invitati? L’interrogativo lo giriamo all’assessore
perchè in primis saranno proprio i proprietari a subire un nuovo salasso, quando dovranno rispettare i dettami dal nuovo regolamento.
Stiamo vivendo un momento economico molto delicato dove le varie amministrazioni, come quella fermana, tra Tares, Tasi. ecc., chiedono ai piccoli proprietari immobiliari enormi sacrifici, non ci pare proprio il caso che su un regolamento che dovrebbe cambiare il volto del centro storico vi siano figure che niente hanno a che fare con l’arredo urbano del centro storico, ma che sono state chiamate a decidere dall’amministrazione comunale. All’assessore chiediamo di fare una profonda riflessione – finisce la nota dell’Asppi – ricominci
dall’inizio, convocando e discutendo solo con le vere parti interessate”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento