Concorso di Poesia

ASCOLI PICENO – L’HOME RESTAURANT RISPETTI GLI OBBLIGHI DI LEGGE

LO DICE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

L’HOME RESTAURANT RISPETTI GLI OBBLIGHI DI LEGGE

FERIOZZI (FIPE – CONFCOMMERCIO): ARGINATA DAL MINISTERO L’ENNESIMA CONCORRENZA SLEALE

 

Come se la situazione economica non fosse già piuttosto critica, per tutto il settore della ristorazione regolare e come se non bastassero già le concorrenze discutibili delle innumerevoli (troppe) sagre e delle taverne delle varie associazioni culturali, sta prendendo piede  anche nel Piceno, pur se ancora timidamente, il fenomeno della  “Home Restaurants”, cioè della ristorazione effettuata da privati a pagamento nel proprio domicilio, erroneamente considerata alla portata di tutti, senza vincoli di sorta e di tasse. Ma ora per fortuna il Ministero dello Sviluppo Economico, in risposta al quesito avanzato da un Comune ha chiarito in maniera inequivocabile che gli “Home Restaurants”, sono attività economiche di somministrazione a tutti gli effetti e quindi soggette ai previsti obblighi di legge come un qualsiasi normale ristorante, quali tra gli altri il possesso dei requisiti professionali, i requisiti igienico sanitari, la sorvegliabilità, la predisposizione di una pratica amministrativa nel Comune di residenza. “La notizia del chiarimento ministeriale è molto importante – afferma Giuseppe Feriozzi, presidente provinciale dei pubblici esercizi FIPE-Confcommercio e noto operatore del settore – poiché conferma quanto da tempo sostenuto dalla nostra Associazione nazionale, nonostante alcuni importanti giornali economici italiani avessero salutato con favore questa iniziativa del tutto privatistica”. “Dal nostro osservatorio – sottolinea il presidente Feriozzi – l’Home Restaurant, così come era nato, era una mera ed ennesima forma di concorrenza abusiva e sleale che fortunatamente e finalmente il Ministero ha arginato, riconducendola entro i giusti binari. Ora – conclude Feriozzi – tocca agli Organi di Vigilanza ed alle Autorità locali attivarsi di conseguenza per il rispetto della legge.”

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento