Concorso di Poesia

Ascoli Piceno – Spontini, prospettive future

Ascoli Piceno - Spontini, prospettive future

Nella giornata di martedì 11 febbraio 2015 si è tenuta l’assemblea dei soci dell’istituto musicale Spontini, attualmente in liquidazione, per valutare le prospettive future del sodalizio in relazione al ruolo che potrà essere esercitato dell’amministrazione provinciale a seguito della riforma Delrio.
Come è noto, Provincia e Comune di Ascoli Piceno avevano già deciso lo scorso settembre di procedere alla liquidazione del Consorzio proprio alla luce delle possibili evoluzioni della normativa provinciale in materia di cultura ed educazione musicale. L’intendimento, già allora, era quello di costituire un nuovo organismo, tendenzialmente una fondazione, capace di mantenere l’operatività dell’istituto pur in assenza di un contributo finanziario da parte della provincia. “La nostra ferma volontà è quella di continuare la storica esperienza dell’istituto Spontini riconfigurandone l’organizzazione e determinando economie di scala che consentano di portare avanti la missione dello Spontini confidando esclusivamente sul contributo comunale e sulle quote di iscrizione.”, questa la dichiarazione del Sindaco Guido Castelli che ha pure aggiunto:” Abbiamo le idee chiare ma era doveroso attendere le valutazioni del Presidente D’Erasmo che, all’indomani del suo insediamento, mi aveva chiesto il giusto tempo per ponderare l’impatto della nuova normativa sulle due realtà a partecipazione provinciale che si occupano di istruzione musicale: lo Spontini di Ascoli e il Vivaldi di San Benedetto.”

> Nel corso dell’assemblea il Presidente D’Erasmo ha confermato quanto già paventato e cioè che la nuova legge regionale sulle funzioni provinciali, seppur ancora non approvata dal consiglio, assegna le funzioni riguardanti la Cultura e l’istruzione musicale alle Regioni, e che quindi da ottobre, novembre dell’anno 2015, la Provincia non potrà più finanziare l’istituto ascolano. Il Presidente ha anche aggiunto che si renderà promotore della richiesta di coinvolgere la Regione nella compagine sociale dello Spontini ma ovviamente tale eventualità, allo stato attuale, non ha ancora fondatezza. Preso atto di quanto riferito dal Presidente D’Erasmo l’assemblea ha deliberato di convocare a breve una nuova riunione per illustrare io nuovo modello organizzativo dello Spontini. “Il tempo è tiranno e per non disperdere questa preziosissima realtà ascolana si rende necessario agire con tempestività: terminato l’anno scolastico a giugno, dovremo essere pronti con il nuovo modello a settembre quando riprenderanno i corsi”. Questa la chiosa finale del Sindaco Castelli: ” Inizia la corsa contro il tempo e per fare sia bene che presto dovremo lavorare sodo e senza tentennamenti”.
>

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento