Basket – Pedaso batte il Loreto Pesaro e torna alla vittoria

L'Icubed Pedaso battuta in casa da Tolentino

Torna immediatamente alla vittoria l’Icubed Pedaso che, dopo il primo stop stagionale arrivato nella trasferta di domenica scorsa a Gubbio, supera il Loreto Pesaro e mantiene la propria imbattibilità casalinga.

Una vittoria sicuramente meno bella, dal punto di vista estetico, rispetto ad altre maturate in questo inizio di stagione, ma voluta fortemente ed ottenuta lottando con le unghie e con i denti in una partita che si è rivelata molto difficile ed ostica. Una vittoria, poi, dal grandissimo peso specifico, perché, dopo la sconfitta di Gubbio, era fondamentale portare a casa in qualche modo due punti per prepararsi con più tranquillità al prossimo terribile ciclo di partite, che comincerà sabato prossimo con l’insidiosissima trasferta di Valdiceppo e proseguirà nelle settimane successive con le sfide casalinghe con Falconara e Ortona e quella esterna contro Osimo.

Cronaca: entrambi gli allenatori devono fare i conti con assenze pesanti. Da una parte, Camarri deve rinunciare a capitan Domesi, in panchina solo per onor di firma dopo il problema muscolare rimediato nel finale della partita di Gubbio, e anche al giovane Monterubbianesi, febbricitante, dall’altra Surico non può disporre di Bianchi. L’allenatore pedasino promuove allora Cernivani in quintetto al posto di Domesi e lo affianca, oltre ai “soliti” Carletti, Di Angilla e Belleggia, a Ferroni, alla sua prima partenza da titolare in stagione nello spot di ala piccola solitamente occupato da Perini. Surico, invece, risponde con Chiericozzi, Pascucci, Denis Jovanovic, Montino e Calcagnini.

In avvio di gara si segna davvero col contagocce; il primo canestro della partita è di Pedaso e porta la firma di Belleggia, ma i padroni di casa si fermano poi per più di quattro minuti e allora Pesaro, pur senza fare a sua volta nulla di eccezionale, prende subito qualche punto di vantaggio con un vivace Pascucci. Due triple consecutive di Cernivani sembrano poter dare la scossa all’Icubed, ma in realtà non cambiano il canovaccio di un inizio gara a percentuali bassissime, in cui il Loreto si mantiene, seppur di poco, quasi costantemente avanti (12­14 al primo mini intervallo grazie ad un canestro sulla sirena di Chiericozzi).

In apertura di secondo periodo Pedaso sembra sciogliersi; Conti, uscito dalla panchina e già autore di un paio di canestri sul finire del primo periodo, accende la scintilla nell’attacco pedasino e, insieme alla terza delle cinque triple della serata di Cernivani, confeziona un 8­0 di parziale che consegna subito il vantaggio ai padroni di casa. Vantaggio che si conferma col passare dei minuti anche perché lo stesso Conti, ben imbeccato in un paio di circostanze da Carletti, dimostra di trovarsi a proprio agio nel ruolo di riferimento offensivo principale dei suoi.

L’Icubed arriva anche al +7 (29­22) grazie ad un libero di un ottimo Ferroni, autore di una partita estremamente solida e principale artefice, insieme a Di Angilla e Conti, del dominio a rimbalzo dei padroni di casa, ma poi si concede un paio di leggerezze difensive che gli ospiti, con Provvidenza e Savelli, sfruttano subito per riportarsi sul ­2, prima che un altro canestro di Ferroni alla scadere del tempo fissi il punteggio sul 31­27 dell’intervallo.

La partita rimane equilibrata anche nel secondo tempo. L’Icubed, ancora con Ferroni, tocca sul +8 (37­-29) quello che sarà il massimo vantaggio di una delle due squadre nei tempi regolamentari, ma si capisce subito che non è il preludio ad una fuga dei padroni di casa; Carletti commette presto nel quarto il suo terzo fallo, costringendo Camarri a metterlo in panchina, e Pedaso rimane priva del suo play nel momento in cui il Loreto, dopo averla provata già nel secondo quarto, ripropone la difesa a zona. L’Icubed, con la sola eccezione dell’ennesima tripla del solito Cernivani, fa fatica ad attaccarla e Pesaro erode quasi del tutto il vantaggio dei pedasini, arrivando fino al ­1 e fallendo anche, con un Savelli comunque estremamente “fastidioso” per i padroni di casa , il tiro del pareggio.

Si va quindi all’ultimo mini intervallo con Pedaso ancora avanti di due (45­43), ma il sorpasso è nell’aria e si concretizza in apertura di quarto periodo con una tripla di Montino. L’Icubed non ci sta, reagisce e si riporta avanti, ingaggiando una lunga volata che dura per tutta la quarta frazione e che, dopo un canestro per parte al termine di azioni a dir poco convulse nell’ultimo minuto di gioco, culmina con l’opportunità per Pedaso di vincere allo scadere: Carletti ci prova da tre ma sbaglia, Ferroni prende il rimbalzo d’attacco e realizza, ma il suo canestro arriva leggermente in ritardo rispetto alla sirena strozzando in gola l’urlo dei sostenitori pedasini.

Si va dunque all’overtime che però, dopo quaranta minuti di equilibrio, ha un solo padrone, Pedaso, ed un unico grande protagonista, Meconi; il prodotto del vivaio pedasino prima imbecca Conti per il primo canestro del prolungamento, poi decide personalmente la sfida con tre triple consecutive che piegano definitivamente la resistenza ospite. Infine, per completare l’opera, aggiunge un palleggio, arresto e tiro e due liberi che portano a 13 i suoi punti nel supplementare e gli valgono la meritata standing ovation del proprio pubblico al momento della sua uscita dal campo a pochi secondi dalla fine.

TABELLINO:

Pedaso: Domesi ne, Meconi 16, Ferroni 9, Di Angilla 9, Stampatori, Cernivani 17, Conti 22, Belleggia 4, Carletti 3, Perini, All. Camarri

Loreto Pesaro: B. Jovanovic 2, Sabelli 12, Pascucci 19, D.Jovanovic, Provvidenza 8, Giunta ne, Beltramini 7, Montino 13, Calcagnini, Chiericozzi 5, All. Surico

Parziali: 12­14; 19­13; 14­16; 15­17; 20­6

Arbitri: De Ascentis e Grappasonno

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento