“Basta eventi impattanti sulle spiagge naturali”, il Comitato TAG Costa Mare chiede l’intervento urgente del Ministero e dell’ISPRA


FERMO – La data del 14 luglio, notoriamente famosa per essere la festa della repubblica francese, assumerà forse per molti un significato diverso: perché finalmente un ente come l’ENPA (Ente Nazionale della Protezione Animale) ha tuonato contro il Progetto del “Jova Beach Party” inviando una lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani, asserendo che, a causa di questi concerti, “ci sono animali che vedono distrutti i siti di riproduzione e sosta. Giovani uccelli e cuccioli selvatici che muoiono, privati delle cure parentali. Tagli di alberi e siepi, lavori nelle spiagge che compromettono l’ecosistema dunale. Il grande e fragoroso disturbo causato dalla musica ad alto volume“.

In tutta Italia in questi giorni si stanno levando molte voci contrarie o fortemente critiche verso questo tour. Anche il Comitato TAG Costa Mare ha provveduto il 2 maggio 2022 ad inviare. in prima istanza al sindaco di Fermo, ma anche a tutti gli enti preposti al rilascio di autorizzazioni e permessi, una diffida per non far effettuare sulla spiaggia di Casabianca del Lido di Fermo le prossime due date marchigiane del tour (5 e 6 agosto). Diffida che, passata in sordina, è stata poi rinnovata anche alla componente tecnico-amministrativa comunale e infine depositata, il giorno 8 luglio u.s., tradotta sotto forma di esposto, anche alla Procura della Repubblica ed alla Corte dei Conti.

Una richiesta di intervento immediato e di parere definitivo, accompagnata da una nota scientifica prodotta dal Comitato TAG Costa Mare stesso, è stata ora inviata, PEC datata 18 luglio 2022, al Ministero della Transizione Ecologica ed all’ISPRA- Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Questa informativa ha il preciso scopo di chiedere ad entrambe le parti di intervenire urgentemente e in maniera netta, univoca e trasparente, in modo da poter mettere fine alla querelle “Jova Beach Party sulle spiagge italiane SI o NO”.

“Nessuno è contro Jovanotti ed il suo lavoro di musicista. Si è contro -scrive in una nota Luigi Silenzi portavoce del Comitato TAG Costa Mare- la scelta delle location scelte sulle spiagge italiane utilizzate dal 2019 in avanti: per ripristinare un habitat distrutto e il suo patrimonio vegetale, far crescere la naturalità di un luogo e assicurare la sopravvivenza di specie in via di estinzione (come il Fratino che nidifica sulle spiagge), servono tanti anni e tanta cura e non bastano poche azioni sporadiche. Il TAG, come tante altre realtà italiane, è convinto che il modo migliore per tutelare la biodiversità sia quello di non danneggiarla a priori. Non basta, quindi, inventare opere di compensazione o mitigazione per giustificare qualunque cosa. Agli occhi di molti, appaiono ormai per quello che sono: azioni volte a giustificare quelle che alla fine si rivelano essere soltanto delle grandi opere di “greenwashing”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...