C ‘è sempre una canzone per rallegrare i bambini, la Banca di Ripatransone e del Fermano con gli studenti per il Salesi

ANCONA –  Cinque classi, per un totale di 40 studenti in rappresentanza dell’ISC di Ripatransone, Montefiore dell’Aso, Cupramarittima e Massignano guidati dalla Dirigente, professoressa Gaia Gentili, il 9 maggio si sono recati al reparto di Oncologia del Salesi per intrattenere con uno spettacolo canoro i piccoli degenti.

“Il coro “Un Incanto” dell’Istituto Comprensivo di Cupramarittima e Ripatransone diretto dalla professoressa Barbara Bucci e accompagnato anche da me – ha detto la dirigente scolastica Gaia Gentili – nell’ambito del Progetto “C ‘è sempre una canzone per rallegrare i bambini”,  ha allietato i piccoli degenti dell’Ospedale Salesi di Ancona con canti ed omaggi realizzati dagli studenti”.

La Banca di Ripatransone e del Fermano ha da subito sposato questa iniziativa, mettendo a disposizione la trasferta dei ragazzi e del personale docente. I ragazzi, degenti e studenti, hanno potuto sperimentare un comune sentimento di unione che solo la musica può dare, per vivere una giornata importante nel segno della vicinanza.

“Non potevamo che condividere questa importante iniziativa che oltre ad essere un gesto di affetto e vicinanza verso coloro che soffrono- ha detto il presidente della Banca di Ripatransone e del Fermano, il dr Michelino Michetti – è nel contempo un momento formativo per comprendere il potere della musica che va al di la del tecnicismo.”

Il Salesi, meglio conosciuto come l’Ospedale dei bambini, è un’eccellenza del nostro territorio per l’assistenza del bambino ospedalizzato, per mantenere e diffondere la più adeguata cultura assistenziale al bambino malato a tutti i livelli, istituzionali e sociali.

“Siamo davvero felici ogni volta che un gruppo di ragazzi viene a trovarci e lo siamo ancora di più quando arrivano al Salesi, dopo un percorso di conoscenza e di lavoro fatto in favore dei piccoli pazienti. Il Coro Unincanto oggi ci ha regalato un’emozione grande per l’impegno e la preparazione che hanno dovuto mettere per esibirsi in un ambiente difficile come è l’Ospedale – ha commentato il direttore della Fondazione Salesi Onlus, il dr Carlo Rossi – e noi vogliamo ringraziare loro ma anche le loro insegnanti che hanno trovato il migliore modo per far capire a chi sta crescendo quanto sia importante guardare all’Ospedale  Pediatrico Salesi come patrimonio per la salute di tutti e che quindi va realmente preso in carico da ognuno per far si che possa continuare a garantire quell’alta specializzazione indispensabile per tutti i figli, non solo delle Marche, ma di tutte le regioni del centro-sud  che lo considerano un riferimento fondamentale. “

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...