Concorso di Poesia

CALENDARI VENATORI, IL 10 FEBBRAIO L’INCONTRO CHIESTO DALLE REGIONI.

CALENDARI VENATORI, IL 10 FEBBRAIO L’INCONTRO CHIESTO DALLE REGIONI.

Si terrà, a Roma (martedì 10 febbraio, Salone agricoltura), l’incontro sui calendari venatori richiesto dalle Regioni Marche, Toscana, Umbria, Veneto, Liguria e Friuli Venezia Giulia ai Ministeri per le politiche agricole e all’ambiente. Lo comunica l’assessore alla Caccia, Paola Giorgi. Le Regioni avevano sollecitato il confronto, “dopo l’evidente frattura istituzionale creatasi con l’assunzione, da parte del Consiglio dei ministri”, delle delibere che hanno modificato la programmazione venatoria locale. A fronte di una semplice richiesta di informazioni, da parte della Commissione europea, lo Stato ha modificato autonomamente la programmazione regionale. “Una procedura alquanto insolita, che interferisce con l’attività delle Regioni espletata nel pieno rispetto della legge italiana – evidenzia l’assessore Giorgi – A monte dell’intervento, che le Regioni giudicano scomposto, ci sono nodi irrisolti che coinvolgono la gestione della fauna selvatica. È necessario un intervento chiarificatore sul periodo di prelievo di queste specie, che in Italia appare sostanzialmente differente da quanto contemplato in altri Paesi europei, in particolare del nord Europa. Un’incertezza che non può ricadere sulle autonomie regionali che rispettano le disposizioni legislative nazionali e si vedono, poi, modificare i propri calendari venatori predisposti sulla base delle leggi italiane. All’incontro, a Roma, chiederemo che i Ministeri facciano chiarezza, innanzitutto, al loro interno, perché, nel caso dei calendari venatori, è curioso che quello all’Ambiente interloquisca le Regioni su una materia strettamente di competenza dell’Agricoltura. Chiederemo che il Ministero per le politiche agricole recuperi il proprio ruolo di interlocutore con la Commissione europea sui temi venatori e con gli altri Ministeri, per scongiurare incresciose situazioni dove le Regioni si trovano scavalcate rispetto a un quadro normativo nazionale che non possono modificare, ma solo applicare”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento