Critica e pubblico plaudono la seconda edizione del festival Seventy Time, ennesimo grande successo

SAN BENEDETTO – Ha riscosso un grande successo di pubblico e di critica la  seconda edizione del festival Seventy Time. Una di giorni di grande musica swing jazz, iniziata con l’esibizione dei giovani musicisti dell’ Accademia Lizard di San Benedetto del Tronto e della Fenice di Amandola, nell’ambito del progetto “Cambiare Musica 2” realizzato insieme alla Fondazione Carisap di Ascoli Piceno.

Lo splendido concerto swing jazz del Flo’S Jazz Casino, svoltosi nella suggestiva cornice di piazza Bice Piacentini al Paese Alto ha affascinato il buon pubblico presente. Con con il gruppo austriaco si è esibito anche il maestro Lito Fontana (direttore artistico del Seventy Time) che ha accompagnato in alcuni brani il sestetto capitanato dal batterista Florian Baumgartner.

Gran finale la fantastica serata di musica funky soul – disco anni ’70, con il deejay Luca Calem, presso lo chalet Lido del Pescatore. Neppure il maltempo di lunedì sera, è riuscito a fermare la voglia di ballare dei numerosi ospiti presenti.

Un’ edizione, quella di quest’anno, che ha proposto un’indiscussa qualità musicale e che nonostante una San Benedetto ricca di eventi, ha riscontrato una buona partecipazione di pubblico, a conferma che la strada intrapresa
dall’associazione Expanse è quella giusta . E cioè quella di far diventare il Seventy Time un’appuntamento di grande richiamo.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...