Distretto calzaturiero fermano alla prova dell’Obuv Mosca e del MicamShanghai

Distretto calzaturiero fermano alla prova dell'Obuv Mosca e del MicamShanghai

Dopo il Micam di Milano a febbraio, il comparto calzaturiero del Fermano è chiamato a due test importanti, affrontando direttamente il mercato russo (di cui a Rho si è registrato un – 50% in fatto di presenze) e quello cinese. In questa settimana, infatti, si aprono due note manifestazioni fieristiche: dal 17 al 20 marzo all’Expocentr di Mosca si terrà Obuv Mir Kozi, mentre dal 18 al 20 marzo a Shanghai avrà luogo la quinta edizione di theMicamShangai, abbinata in questo caso a Chic, evento dedicato all’abbigliamento.

Obuv’ Mir Koži, organizzata da Assocalzaturifici e da Fairsystem, società del gruppo Bolognafiere, è diventata negli anni la più importante rassegna dedicata alle calzature e borse made in Italy in Russia e registra la presenza di 140 imprese italiane del settore; aziende leader che presentano le nuove collezioni create appositamente per i mercati dei Paesi della Comunità di Stati Indipendenti (Russia, Bielorussia, Ucraina, Kazakistan e Asia Centrale).

Circa cento le aziende presenti dalle Marche, di cui 68 dal Fermano, 25 dal Maceratese e le
restanti dalle altre province.

“Nonostante ci sia stato un calo di espositori rispetto all’ultima edizione del 30% – ha dichiarato Arturo Venanzi, Presidente della Sezione Calzature di Confindustria Fermo e vice Presidente di Assocalzaturifici – le imprese del Distretto Fermano-Maceratese rappresentano sempre circa il 65% del totale, dunque una rappresentanza significativa. Le aspettative sono quelle di recuperare, seppur in parte, i buyers che non sono venuti al Micam di Milano, anche perché si sta assistendo ad una rivalutazione e ad una stabilizzazione del rublo rispetto ad un mese fa, oltre al fatto, non secondario, che le tensioni con l’Ucraina sembra si stiano allentando”.

TheMicamShanghai, organizzata da Assocalzaturifici, Fiera Milano e Hannover Milano Fairs Shanghai Ltd in collaborazione con EMI\SMI e ICE-Agenzia per la promozione all’estero, pur mantenendo le proprie caratteristiche, viene abbinata a CHIC, l’evento fieristico cinese di riferimento per il settore, che dalla storica sede di Pechino si è recentemente trasferito a Shanghai per aprirsi maggiormente alle dinamiche del fashion system internazionale. L’evento si terrà nel padiglione del nuovo polo espositivo National Exhibition & Convention Center, nel distretto di Hongqiao, candidato ad essere il polo della moda più grande al mondo (130 in totale le aziende della collettiva italiana), così da poter intercettare oltre 110.000 visitatori attesi da tutta la Cina e dagli altri principali mercati asiatici.

Quindici circa le aziende del Distretto Fermano-Maceratese che esporranno le proprie collezioni.

“Alcune imprese non potranno partecipare per la concomitanza con l’Obuv che gli organizzatori di Chic non avevano considerato in quanto avevano precedentemente fissato le loro date – ha aggiunto Venanzi – Assocalzaturifici ha chiesto di spostare l’Obuv ma non è stato possibile.

Dalle prossime edizioni si eviterà nel modo più assoluto di far coincidere le due manifestazioni.

Le aziende che parteciperanno a Shanghai sono quelle che hanno già stretto rapporti proficui con la Cina ed il mercato di riferimento, quelle che vi hanno rinunciato sono, invece, allo stadio embrionale della relazione commerciale. I presupposti per far bene ci sono tutti e con questa edizione MicamShanghai offrirà una piattaforma ideale per conoscere meglio e approfondire i contatti con i buyers cinesi”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento