Domenica tragica nelle Marche, morti due centauri

Tragico incidente nella notte


SAN BENEDETTO – Ancora sangue sulle strade dopo il lockdown. Ancora una volta sono i motociclisti a pagare il prezzo più alto, con la vita. Dopo l’incidente mortale del sambenedettese Fabrizio Crispino in Umbria, altri due schianti fatali si sono verificati tra fermano e anconetano.

Una domenica pomeriggio drammatica in cui sono rimasti vittime di due incidenti quasi fotocopia Francesco Gigli, 64enne, di Torre San Patrizio e lo chef 51enne David Panni di Senigallia. Un dramma nel dramma per la sua famiglia che poco più di una settimana fa aveva visto spegnersi la sorella della vittima, la bagnina Debora Panni morta per una malattia.

Le dinamiche dei due incidenti sono in fase di ricostruzione da parte dei carabinieri. Francesco Gigli come tanti altri centauri, approfittando della bella domenica, era salito sulla sua Honda Transalp per una gita nell’entroterra. Dopo pranzo, stava tornando a casa quando lungo la Faleriense all’altezza di Magliano di Tenna, si è scontrato con una Alfa Mito che viaggiava in direzione opposta.

L’impatto con la fiancata dell’auto è stata devastante. La moto è rovinata a terra e il 64enne operaio calzaturiero ha perso molto sangue. Le sue condizioni sono apparse subito gravi, tanto che i sanitari hanno richiesto l’intervento dell’eliambulanza, atterrata pochi minuti più tardi in un terreno adiacente, l’arrivo di Icaro non è servito, l’uomo si è spento sul posto poco più tardi.

L’altro tragico schianto si è verificato nella zona Nevola, a Corinaldo.Anche in questo caso la moto della vittima si è scontrata con un’auto, condotta da una donna di 41 anni rimasta lievemente ferita. David Panni, invece si stava recando a lavoro, ma non è mai arrivato al ristorante. E’ morto praticamente sul colpo, 11 giorni dopo la sorella. Lascia una figlia.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...