Eccellenza / Un buon Grottammare conquista la prima vittoria

Marina di Altidona, 22.9.2019

GROTTAMMARE – SAN MARCO SERV. LORESE 1-0

Grottammare: Beni (46’ Palanca), Orsini, Ferretti, Haxhiu, Marini, Lanza, Crescenzi (63’ Carboni), De Cesare (86’ Ioele), Ciabuschi (76’ Nallira), De Panicis, Cappelli (57’ Ricci). All. Manoni

San Marco Serv. Lorese: Testa, Fuglini, Pompei, Vita, Aliffi, Mallus, Gabaldi, Tomassetti, Mattioli (75’ Tracanna), Iuvalè, Paglialunga (63’ Frinconi). All. Morreale

Arbitro: Racchi di Ancona (Galieni/Viglietta)

Marcatore: 65’ De Panicis

Ammoniti: 2’ Beni (G); 66’ Frinconi (S); 72’ Ciabuschi (G); 93’ Palanca (G)

Spettatori: 100 circa – Calci d’angolo: 3-2 per il San Marco Serv. Lorese

Recuperi: 1 minuto nel p.t.; 4 minuti nel s.t.

 

Per uno strano gioco del destino, la seconda giornata del campionato di Eccellenza 2019-20 poneva oggi di fronte ancora Grottammare e San Marco Serv. Lorese, ossia le due squadre che già si erano sfidate in Coppa Italia qualche settimana fa nella doppia sfida andata/ritorno. E se a passare il turno in Coppa sono stati gli uomini di Morreale (ex della partita), oggi a gioire è invece la squadra di mister Manoni che con una gara accorta e diligente è riuscita ad imbrigliare i rossi serviglianesi privi però, bisogna dirlo, del difensore Censori e, soprattutto, degli attaccanti Galli e Gesuè (i primi due infortunati, l’ultimo squalificato), cioè tre giocatori che in questa categoria possono fare la differenza. Vista ancora l’indisponibilità dello stadio “Pirani” di Grottammare, si è giocato al campo sportivo “F.lli Bagalini” di Marina di Altidona; e la partita ha preso subito un sapore vintage visto che l’impianto non è dotato di tribuna. Quindi, tutti gli spettatori (compresi i cronisti) hanno preso posto, in piedi, lungo il perimetro del campo, dietro la rete di recinzione, come soleva farsi negli anni Cinquanta/Sessanta quando erano davvero pochissimi i campi da gioco di società dilettantistiche dotati di tribuna… e il più delle volte anche scoperta!

Una leggera pioggerellina caduta per l’intera partita, ha contribuito a dare al tutto un colore propriamente autunnale. L’incontro non è stato dei più esaltanti, pochissime le occasioni da rete segnate sul nostro taccuino; il San Marco ha tenuto sicuramente di più il pallino del gioco facendo girare bene la palla ma non trovando quasi mai la verticalizzazione giusta, mentre il Grottammare si è limitato a controllare e quando ha potuto ha cercato di pungere la porta difesa da Testa. Ne è uscita fuori una partita che poteva essere decisa solo da qualche invenzione degli uomini più dotati, da entrambi le parti. E poteva avere un andamento diverso se, proprio agli albori dell’incontro, al 3’, Gabaldi non avesse sciupato un calcio di rigore assegnato giustamente dall’arbitro Racchi di Ancona (alle sue prime partite in categoria) per un erroraccio di Beni che, da un lancio dalle retrovie, sbagliava il tempo di uscita, si faceva superare dal pallone e poi per cercare di recuperarlo atterrava lo stesso Gabaldi lanciato a rete. Penalty sacrosanto che il portiere di casa, però, riusciva ad intuire alla sua destra e, nonostante fosse molto angolato, a deviare. Certo, se il numero 7 ospite avesse segnato, la partita avrebbe preso tutto un altro andamento; il Grottammare era costretto a cambiare tattica di gioco cercando di più la profondità, mentre gli uomini di Morreale potevano giocare di rimessa. Ma così non è stato e i biancocelesti di casa hanno preso coraggio e, compatibilmente agli spazi che riuscivano a crearsi, hanno cercato di imbastire le occasioni propizie per andare in rete. Nel primo tempo, oltre al rigore fallito, le uniche due azioni degne di nota sono di capitan De Cesare e compagni: al 9’ Haxhiu batte dalla sinistra una punizione con palla che sul secondo palo pesca Marini, il quale di testa rimette al centro per l’accorrente Ciabuschi che in spaccata mette fuori da buona posizione. Al 21’ De Panicis vince un rimpallo sulla trequarti, si invola sulla fascia leggermente spostato sulla destra e appena dentro l’area tira cercando di incrociare ma il pallone prende in pieno il portiere che riesce a bloccare in due tempi. Tutto qui.

La ripresa inizia subito con una novità in casa Grottammare: il portiere Beni, a causa di un problema muscolare che gli fa compagnia da più di un mese, lascia il posto al giovane Palanca, classe 2002, che già egregiamente si era disimpegnato la settimana scorsa a Sassoferrato. Anche oggi, pur non essendo stato molto impegnato, ha dato l’impressione di non subire l’emozione, anzi di essere già abbastanza “scafato” tanto da beccarsi un cartellino giallo nei minuti di recupero per perdita di tempo. Comunque, la ripresa comincia con il solito tran-tran della prima parte: il San Marco cerca di imporre il proprio gioco ma non trova sbocchi, il Grottammare – quando può – prova a rintuzzare. Prima, al 62’, Haxhiu sciupa una favorevole occasione tirando alto da buona posizione un bel passaggio di Ciabuschi; poi, tre minuti dopo, il neo entrato Ricci lavora un bel pallone sulla fascia destra e lo appoggia al centro dell’area a De Panicis che – udite, udite! – di sinistro infila l’incolpevole Testa. Prima rete in campionato quest’anno del gioiellino di casa (22 in totale in Eccellenza compresa quella dello spareggio salvezza di Fossombrone), sperando sia l’inizio di una lunga serie. Il San Marco, ovviamente, non ci sta ed alza il baricentro, ma di occasioni vere e proprie ne crea solo una, all’85’: Gabaldi, sulla sinistra, crossa sul secondo palo per l’accorrente Tracanna (anche lui entrato da poco), il quale – solo, soletto – di testa da buona posizione la mette sull’esterno della rete. Tutto qui, forse un po’ poco per meritarsi il pareggio.

Domenica prossima il Grottammare è atteso dalla difficile trasferta contro la corazzata Ancona in una sfida – anche se siamo alle prime battute – d’alta quota (i dorici sono a punteggio pieno); il San Marco invece dovrà vedersela contro la neo promossa Vigor Senigallia, altra squadra costruita per stare al vertice: sarà sicuramente una bella battaglia con Morreale che recupera Gesuè ma non avrà ancora gli infortunati Galli e Censori che staranno fuori ancora qualche settimana.

Michele Rossi

Testo © dell’Autore e dell’Editore
Nella foto © di Enrico Tassotti, il match winner Michele De Panicis in un’immagine di qualche anno fa

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...