Essere Lions oggi, convegno alla Sala Smeraldo dell’ hotel Calabresi di San Benedetto

SAN BENEDETTO – Chi sono i Lions? Cosa fanno i Lions nel mondo? Perché è bello essere Lion? Perchè continuare ad essere Lions oggi? A queste domande, domani, sabato 12ore 18.30 presso la Sala Smeraldo Hotel Calabresi, si daranno le risposte a chi non conosce i Lions, a chi non sa perché esistono. 

“Diciamo intanto -scrivono in una nota i lionisti-che essere Lion significa avere due compiti peculiari, specifici: essere al servizio della comunità, dei più deboli, e trasmettere lo spirito di solidarietà che è alla base del motto Lion “we serve”. Nella classifica delle prime 30 Associazione di volontariato al mondo siamo al primo posto e non certo a caso ! Abbiamo realizzato e realizziamo attività di servizio che lasciano il segno.

È bello vedere che in chi non ci conosce, appena si “racconta” cosa fanno i Lions nel mondo, si accende una luce di entusiasmo, che è quella che ci ha contagiato quando siamo stati coinvolti la prima volta. È bello sapere che stiamo costruendo “ponti di solidarietà” e progetti per poter lasciare un mondo migliore ai nostri posteri.

L’immagine dei Lions -prosegue così la nota stampa- sta cambiando, sono sempre meno considerate persone “ingessate” e sempre di più persone “pratiche, operative, credibili”, che badano ai risultati. In stretti rapporti con le Amministrazioni pubbliche, con gli Enti associativi, con il mondo imprenditoriale, che vedono in loro un partner affidabile, concreto, ma soprattutto vicino ai bisogni della cittadinanza. Li ascoltano e li apprezzano e hanno voglia di collaborare con loro perché presentano una progettualità coerente concreta, fattibile.

In questo momento difficile per la società, in cui i fondamentali della vita civile e del “buon vivere” vacillano, ove non siano assenti, è un grande orgoglio poter fare parte di un’associazione che in questi valori crede. In una società sempre più povera di valori e di deontologie e con un numero di disagiati ogni giorno in crescita, il nostro poliedrico impegno umanitario e civico sta risultando davvero importante. La soddisfazione di poter contribuire a progetti sociali che travalicano ogni confine, la convinzione che potremmo essere ancor più attori nella rigenerazione di questa nostra società, il grazie o il sorriso di coloro che hanno ricevuto il nostro aiuto, ci rendono gioia e continuano a farci “amare” questa nostra centenaria associazione.

“We serve” – è l’unione di forze fisiche, intellettuali e psichiche, è la vera e unica forza del Lionismo! La collaborazione e la comunione tra i soci, la condivisione e l’umiltà tra tutti, l’amicizia all’interno dei Clubs di appartenenza e quella sincera con gli altri, servono per affermare e rinforzare gli scopi comuni: aiutare il prossimo, ma in modo diverso da qualunque altra organizzazione di beneficienza, il Lions International non è un’associazione assistenzale e non potrà o dovrà mai surrogarsi alle forme istituzionali di assistenza all’uopo preposte in ogni Nazione.

Non facciamo beneficenza -è la chiosa del comunicato dei Lions- pratichiamo, su base volontaristica, solidarietà, solidarietà da interpretare a tutto tondo, con continuità di intenti e condivisione, persistente nel tempo e incisiva nella società.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...