Concorso di Poesia

Fermo – Cesetti a D’Erasmo: “Ferma le azioni giudiziarie, anche voi in debito”

Fermo - Cesetti a D'Erasmo: "Ferma le azioni giudiziarie, anche voi in debito"

Dopo l’annuncio da parte della provincia di Ascoli Piceno di depositare al Tribunale un decreto ingiuntivo contro la Provincia di Fermo per la mancata liquidazione dei corrispettivi per la Convenzione dei Servizi arriva la risposta via lettera di Fabrizio Cesetti a Paolo d’Erasmo. Un Cesetti che ti ci tiene a sottolineare come anche a livello inverso,  da  Fermo verso Ascoli esistano crediti attivi specificando che in passato erano stati fatti già dei ragionamenti con Celani per definire la questione:

“Con viva sorpresa ho avuto notizia del Tuo Decreto n. 75 assunto in data 21.04.2015 avente ad oggetto “Decreto ingiuntivo presso il Tribunale di Ascoli Piceno contro la Provincia di Fermo per il pagamento dei corrispettivi per la convenzione dei servizi.” – scrive il Presidente Cesetti – “Il mio stupore dipende dal fatto che, anche sulla base degli accordi intercorsi con il Tuo predecessore, ritengo sussistano tutte le condizioni per definire concordemente ogni questione ancora pendente tra le due Province. La volontà in tal senso della Provincia che rappresento Ti è stata più volte manifestata, come ampiamente comprovato dalla corrispondenza in atti.

Ti invito pertanto a voler desistere da un’incomprensibile azione giudiziaria, che tra l’altro comporterebbe un ingiustificato aggravio di spese legali, e Ti confermo la massima disponibilità della Provincia di Fermo per un immediato incontro diretto a definire ogni questione secondo lealtà, legalità e giustizia.

Confido nel Tuo noto senso di responsabilità, restando inteso che, qualora la Provincia da Te rappresentata ritenesse di persistere nella preannunciata ed ingiustificata azione, la Provincia di Fermo saprà resistere in giudizio proponendo a sua volta azioni riconvenzionali dirette ad ottenere i suoi crediti certi, liquidi ed esigibili che, tra l’altro, la Provincia di Ascoli Piceno ha formalmente riconosciuto.”

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento