Fermo – Si è insediato il commissario prefettizio Vittorio Saladino

Fermo - Si è insediato il commissario prefettizio Vittorio Saladino

Inizia con rassicurare la stampa che è e sarà sempre la benvenuta per il confronto, la partecipazione e le segnalazioni Vittorio Saladino, il commissario prefettizio che traghetterà il Comune verso le nuove elezioni di maggio.
“La stampa è un elemento di stimolo e controllo nei confronti dell’Amministrazione” – apre Saladino – “e il Comune sarà sempre la sua casa così come lo è di tutti i fermani”.
Un commissario prefettizio che ha intenzione di lavorare attivamente per la città:
“Ritengo giusto darmi da fare assumendomi le mie responsabilità: il Commissario ha gli stessi poteri dell’amministrazione ordinaria e ho già chiesto l’elenco delle opere in corso. Le priorità al momento sono legate all’urbanistica, alle opere pubbliche e alla gestione finanziaria come il bilancio di previsione, i provvedimenti per le zona B (riduzione dei suoli) e l’illuminazione pubblica da appaltare. L’obiettivo è quello di portare a compimento tutte le opere per le quali è già stato ottenuto il finanziamento.”
Saladino ha già incontrato nei giorni scorsi il sindaco uscente di Fermo con cui ha avuto uno scambio di vedute:
“Il desiderio della Prof.ssa Brambatti è quello che vengano portate a termine tutte le opere ancora incompiute; per fare un buon lavoro c’è bisogno di una dirigenza e di organi amministrativi adeguati perché le buone idee vanno poco lontano senza una struttura efficiente”.
Il commissario vuole mostrarsi vicino alla città e ci tiene a ribadire come in occasione di decisioni importanti sarà fondamentale la collaborazione dei cittadini che ascolterà sia singolarmente che convocando assemblee pubbliche.
Tanti gli accenni sollecitati dalla stampa, dalla questione Piazza del Popolo che Saladino preferirebbe ancora “non sfregiata” dalle macchine parcheggiate alla questione imprenditoriale con i prodotti tipici da valorizzare fino ad arrivare alla delicata questione delle infiltrazioni criminali nel nostro territorio: “Nessuna regione ne è immune” – conclude Saladino che nel 2006 è stato nominato Presidente della Commissione Straordinaria presso il Comune di
BOSCOREALE (NA), sciolto per infiltrazione della criminalità organizzata. – “la criminalità ha molti soldi e li investe in mercati ancora non saturi come il centro-nord e l’estero. I contatti con attività criminose vanno assolutamente denunciati, nessun imprenditore deve pensare di poter entrare in affari con la malavita; chi lo fa, fa una scelta di morte”.
Saladino, originario della Calabria e attualmente residente in Umbria, ha svolto incarichi analoghi in comuni della provincia di Perugia e in quella di Catanzaro dove è stato anche Commissario Prefettizio dell’U.S.S.L. n. 18.

Di seguito il profilo professionale completo:

DR. VITTORIO SALADINO – CAPO DELL’ISPETTORATO G. A.

Nato a Belmonte Calabro (CS) il 10.01.1951, coniugato, con due figli, è entrato nell’Amministrazione Civile dell’Interno nel 1978 ed è stato nominato Prefetto il 22.12.2005. Nell’anno successivo ha svolto da prefetto le funzioni di Presidente della Commissione Straordinaria presso il Comune di BOSCOREALE (NA), sciolto per infiltrazione della criminalità organizzata. Nel 2007 ha esercitato le funzioni di Prefetto di AGRIGENTO. Dal 10.01.2008 al 9.04.2012 Prefetto di RIMINI ; dal 10.04.2012 al 7.08.2013 Prefetto di TERNI e dall’8.08.2013 Capo dell’Ispettorato generale di amministrazione presso il Dipartimento per le politiche del personale dell’amministrazione civile e per le risorse strumentale e finanziarie.

Titoli di studio e professionali

• Laurea in giurisprudenza, conseguita nel 1976 presso l’Università degli Studi di Messina;

• Abilitazione all’esercizio della professione di Avvocato;

• Revisore Contabile, regolarmente iscritto nel relativo Registro Nazionale;

• Abilitazione alle funzioni di Direttore Generale di azienda sanitaria ed ospedaliera, conseguita ai sensi dell’art. 3 bis, comma 4, del Decreto legislativo n.502/1992 e del D.M. Sanità 1.8.2000;

• Diploma della Patente Europea per l’uso del Computer – ( ECDL full ) -.

Principali incarichi svolti

– Capo di Gabinetto dal 1988 al 1996 presso la Prefettura di Catanzaro;

– Commissario Prefettizio dell’U.S.S.L. n. 18 di Catanzaro (comprensiva di tre presidi ospedalieri, di cui uno regionale, e della Facoltà di Medicina);

– Commissario Prefettizio e Straordinario dei seguenti Comuni della Provincia di Catanzaro: Pizzo, Cicala, Cirò, Davoli, San Calogero, Savelli (1988), Staletti, Mileto, Zambrone, Briatico, Parghelia, Petronà, Savelli (1995/1996);

– Componente effettivo del CO.RE.CO. Sezione Decentrata di Catanzaro (dal 1991 al 1996);

– Componente del Collegio Straordinario dei Revisori dei Conti dell’U.S.L. di Catanzaro;

– Componente del Collegio Straordinario dei Revisori dei Conti dell’U.S.L. di Tropea;

– Commissario “ad acta” per l’esecuzione di decisioni del Consiglio di Stato e del T.A.R. della Calabria (nei confronti dell’Ente Regione Calabria, di numerosi Comuni della Provincia di Catanzaro e delle Unità Sanitarie locali di Soverato e Catanzaro);

– Capo di Gabinetto e Viceprefetto Vicario presso la Prefettura di Perugia dal 1997 al 2005;

– Ispettore Generale per le attività connesse con la crisi sismica del 26.9.1997(D.M. 26-1-1998);

– Componente effettivo del Gruppo Interministeriale di Lavoro presso il Dipartimento della Protezione Civile (ordinanza ministeriale nr. 2786 del 15.5.1998);

– Commissario del Comitato Provinciale della Croce Rossa di Perugia nel 1999

– Commissario prefettizio e straordinario dei seguenti Comuni della provincia di Perugia: Bettona, Passignano sul Trasimeno, Valfabbrica;

– Componente del Collegio dei Revisori dei Conti della Fondazione per l’Istruzione Agraria in Perugia;

– Commissario “ad acta” presso il Comune di Assisi per la salvaguardia degli equilibri finanziari.

https://www.itstream.tv/play/NDM0ODU=

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento