Firmato il protocollo d’intesa tra Comune di Ancona e Svim per l’accesso al conto termico

ANCONA – E’ stato illustrato oggi alla stampa dal sindaco di Ancona Valeria Mancinelli insieme  all’assessore all ‘Ambiente Michele Polenta e all’assessore ai LLP Paolo Manarini e con i  rappresentanti di SVIM- Sviluppo Marche srl,  architetto Roberta Montalbini e ingegnere  Mauro Cutini,  il protocollo di intesa tra Comune di Ancona e SVIM in materia di efficientamento energetico e- nello specifico- per la sperimentazione di sistemi di supporto tecnico-procedurale per l‘accesso ai fondi del  Conto Termico nazionale.

Premessa:  la Regione Marche ha riconosciuto nel Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia un importante strumento orientato al raggiungimento degli obiettivi energetici comunitari, nazionali e regionali ed ha indicato in SVIM, l’Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, il soggetto attuatore della strategia stessa. 

SVIM accompagna, attraverso il supporto tecnico dei suoi consulenti, i Comuni della Regione Marche nell’elaborazione del Piano di azione per l’energia sostenibile (Paesc) e lo sviluppo di strumenti operativi che ne facilitano la costruzione ed il monitoraggio  permettendo l’analisi dei piani di azione locali e l’ottimizzazione degli strumenti attuativi delle politiche regionali a supporto degli interventi pianificati sul territorio.

Il Comune di Ancona ha aderito ormai da anni al Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia e con il protocollo che si è sottoscritto oggi, che è da considerarsi perfettamente attinente alla macro strategia di cui sopra, il Comune di Ancona diviene la prima Municipalità delle Marche ad usufruire dell’expertise di SVIM per poter accedere al Conto Termico, la misura che incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Nello specifico la società in house della Regione Marche andrà ad individuare tutti quegli strumenti finanziari utili alla cantierabilità delle azioni, ovvero per l’accesso ai fondi nazionali.  Una vera e propria sperimentazione di tutta una serie di sistemi di supporto tecnico che permetteranno al Comune di Ancona l’accesso ai finanziamenti divenendone, all’atto pratico, beneficiario degli stessi.

L’iniziativa di oggi- ha sottolineato il sindaco Valeria Mancinelli,  citando come esempi importanti il bando vinto dal Comune  per il finanziamento statale pari a 8 milioni di euro per potenziare il trasporto pubblico elettrico e gli interventi per la nuova illuminazione, a partire dal waterfront –  è uno dei numerosi  step all’interno di una strategia complessiva che l’Amministrazione sta mettendo in atto da tempo, che mira ad un consistente risparmio energetico e che sviluppa interventi non di nicchia ma strutturali”.

Attraverso questo protocollo, avvalendoci delle competenze della SVIM – ha confermato l’assessore all’Ambiente, Michele Polenta–  diamo continuità alle azioni previste dal Piano, con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo.   Ci stiamo attivando, nello specifico per consentire un efficientamento energetico  degli stabili di proprietà comunale (in primis le scuole), facendo richiesta di contribuiti  che ci permetteranno di eseguire tutta una serie di interventi migliorativi, dalle  coibentazioni esterne (cappotto termico) alla sostituzione di infissi e  di impianti di climatizzazione ad alta efficienza. 

Si tratta di un progetto importante- questo-  che ci permette di recuperare fondi statali significativi”.    “Fondi che– aggiunge l’assessore ai LLPP Manarini- potranno permetterci di ridurre il peso di mutui contratti per intervenire sulle scuole.   Tutta l’attività dell’Amministrazione è volta alla tutela dell’Ambiente e a ridurre le emissioni e per fare questo si deve produrre il contingentamento energetico dei contenitori”.

Interessate dalla collaborazione con la SVIM, in atto già dal 2006, sono le scuole Domenico Savio: Lavori di adeguamento sismico del complesso e riqualificazione dell’involucro edilizio.  Fase di lavoro: consegna lavori.  Investimento 2,000.000,00 euro. Lavori di efficientamento previsti:  cappotto esterno,  coibentazione del solaio di copertura,  infissi a taglio termico; le Grillo Parlante: adeguamento sismico, riqualificazione dell’involucro edilizio. Investimento: 1.600.000,00 Euro. In corso lo studio di fattibilità.  Lavori di efficientamento previsti: sostituzione degli infissi, coibentazione del solaio di copertura);   le  Garibaldi : lavori di adeguamento sismico , riqualificazione dell’involucro edilizio.

Fase di lavoro : progetto esecutivo.  Investimento 1.280,000.00 Euro.  Lavori di efficientamento previsti: coibentazione solaio di copertura,  sostituzione infissi e  pannelli isolanti ai vari livelli.  Infine la Scuola De Amicis, con lavori adeguamento sismico  e  Riqualificazione dell’involucro edilizio.  Investimento: 2.617,000.00 Euro.  Fase di lavoro”Progetto definitivo/esecutivo.  Lavori di efficientamento previsti: – cappotto interno, – sostituzione infissi – riscaldamento a pavimento

Due scuole hanno fatto da apripista – le Mercantini e le Socciarelli-  essendo state  edificate con criteri biosostenibili,  al top della bioedilizia,  e  le altre scuole, come anche le Antognini (che ha finanziamenti certi)  sono su quel solco.

L’assessore all’Ambiente Polenta ha infine ricordato altri step importanti cui l’Amministrazione sta lavorando, quali il completamento dell‘anello filoviario in corrispondenza con la realizzazione dell’autostazione e del parcheggio scambiatore tra trasporto pubblico extraurbano e urbano “Verrocchio”;  i progetti per le ciclabili in parte alcune già realizzate e altre  di prossima realizzazione ( degli Archi, via G.Bruno, Ciclabile Marina Dorica e ciclopedonale del Conero);  lo stato di avanzamento del PIA (Piano per la lotta all’inquinamento) che contempla tra le sue azioni anche interventi di rimboschimento;  le nuove normative sui combustibili per il porto,  oltre i già citati interventi migliorativi della illuminazione pubblica e della mobilità elettrica  (con l’introduzione anche di due autobus elettrici a batteria e l’ installazione di nuove colonnine negli stalli della sosta)   per favorire il risparmio energetico.

Da parte dei tecnici della SVIM, architetto  Montalbini e  ingegnere Cutini, la conferma dell’impegno della società “la cui mission– è stato detto- è proprio quella di sostenere la transazione energetica dei Comuni, supportando l’accesso ad un “tesoretto” poco utilizzato finora e con l’impegno di lavorare da subito”.

La SVIM – Agenzia di Sviluppo della Regione Marche contribuisce da oltre 20 anni allo sviluppo dell’economia del territorio marchigiano, supportando l’attività dell’Amministrazione Pubblica, in stretta collaborazione con le forze economiche che operano in esso, attraverso l’elaborazione di progetti locali, europei ed internazionali nell’ottica del sostegno all’occupazione giovanile e alla promozione del ricambio generazionale, nel rispetto degli indirizzi di programmazione regionale.

SVIM opera in rapporto esclusivo con la Regione Marche per l’attuazione della politica di sviluppo del territorio, traducendo in progetti regionali, nazionali ed internazionali, sia gli obiettivi definiti nel POR (Programma Operativo Regionale), sia gli indirizzi strategici scaturiti dalla concertazione tra le forze sociali e produttive.  Nel 2020 SVIM a ricevuto “Premio EURADA – EURADA AWARDS” come Migliore Agenzia di Sviluppo 2019 in Europa.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...