FORM, la colonna sonora delle Marche presenta la nuova stagione sinfonica di Macerata

MACERATA – Concerto di Capodanno il 2 gennaio e poi si parte con 6 concerti in cartellone. Beethoven Egmont per l’inagurazione, con Beatrice Venezi, Saverio Marconi e il soprano Angela Nisi. Novità dell’anno anche la campagna mecenati.

Sei concerti e un fuori abbonamento: si chiama Sound ExperienceBeethoven 250 la nuova stagione sinfonica della FORM a Macerata, presentata questa mattina dal sindaco Romano Carancini, dal vice sindaco e assessora alla Cultura  Stefania Monteverde, e dal presidente e direttore artistico FORM Carlo Pesaresi e Fabio Tiberi.

“L’Orchestra Filarmonica Marchigiana è un progetto culturale di altissimo livello – afferma Monteverde -. Il Comune di Macerata è socio dalla costituzione della Fondazione e siamo felicissimi di questa scelta perché è un’impresa di valore culturale e pubblico. Ha una valenza regionale con un forte legame sui singoli territori”.

Prosegue Pesaresi: “Il 2019 è per noi un anno speciale perché abbiamo avviato un nuovo progetto di  comunicazione che abbraccia musica e territorio e che la pone al centro dello sviluppo e della diffusione della cultura musicale nel territorio regionale, identificandola come la colonna sonora delle Marche. È speciale anche nel rapporto con la città di Macerata, sia con l’attività dello Sferisterio e della Rassegna Nuova Musica, sia con le realtà musicali cittadine”.

Aggiunge Carancini: “La colonna sonora della FORM parte da Macerata, perché la storia tra l’Orchestra e la nostra città viene da lontano, con i numerosi progetti che hanno coinvolto in maniera decisiva questa bella realtà allo Sferisterio. La FORM è stata da sempre un compagno di viaggio, come se fosse un fedele scudiero, capace di rinnovarsi ed essere aperta alle nuove sfide. Un rapporto che poi si è esteso con altre esperienze cittadine”.

Come tradizione, il cartellone maceratese si apre con il Concerto per il Nuovo Anno, in programma giovedì 2 gennaio, diretto da David Crescenzi. Sul palco del Teatro Lauro Rossi insieme alla FORM, con musiche di Verdi, Bellini, Puccini, Brahms, Strauss, Offenbach, il soprano Maria Sardaryan.

La stagione, illustrata da Tiberi, si inaugura con una vera chicca: venerdì 14 gennaio nel teatro cittadino riecheggiano le note di Beethoven Egmont, musiche di scena per la tragedia di Johann Wolfgang von Goethe. In questo ciclo di apertura si esibiscono la giovane direttrice d’orchestra Beatrice Venezi, Saverio Marconi come voce recitante e il soprano Angela Nisi.

Il 28 gennaio è la volta di due giovani interpreti per il programma Anima Russa: Čajkovskij – Šostakovich, ovvero la violoncellista Miriam Prandi e il direttore Alessandro Bonato, tra i più interessanti della nuovissima generazione, vincitore del 3° premio assoluto alla The Nicolai Malko Competition for young conductors 2018.

Hubert Soudant, il 18 febbraio, dirige la sinfonia n.3 di Mendelssohn “Scozzese” con il violinista Jevgēnijs Čepoveckis, vincitore del premio Postacchini, che interpreta il Concerto per violino e orchestra di Bruch; mentre il 3 marzo torna il violinista serbo Stefan Milenkovich che si misura con il Concerto per violino e orchestra di Beethoven. Previsto nel pomeriggio, alle 18.30 al Teatro Lauro Rossi, anche un incontro con il pubblico.

Si conclude il triennio che la FORM ha dedicato a Mahler: l’11 marzo Manlio Benzi è la bacchetta della Sinfonia n. 1 in re magg. “Il Titano” (trascrizione per orchestra da camera di Klaus Simon).

Il 2 aprile concerto di chiusura con Musica per immagini – Da Fellini a Kubrick. Federico Mondelci, in veste di direttore e solista, affronta un interessante repertorio di musiche per il cinema – composte ad hoc o tratte da celebri capolavori classici e contemporanei – di Rota, Morricone, Händel, Ortolani (“Per un importante omaggio a questo musicista marchigiano, molto attento alla scrittura sinfonica – ha dichiarato Tiberi”) e Šostakovič.

Tutti i concerti iniziano alle ore 21.  Tra le novità del 2020 c’è la campagna “Sostieni la FORM”. Per gli amanti della musica sinfonica c’è la possibilità di sostenere un progetto che, con la musica e attraverso la musica, intende promuovere identità, conoscenza e bellezza, con quote che variano da 30 a 250 euro (all’interno di Art Bonus) e che riconoscono differenti benefit.

La campagna abbonamenti alla stagione sinfonica 2020 parte il 20 dicembre. Gli abbonamenti saranno acquistabili presso il botteghino di piazza Mazzini (da martedì a sabato ore 10.00-13.00 / 16.30-19.30): il costo per 6 concerti è di 60 euro per l’intero e 18 euro per il ridotto riservato agli studenti di Istituti scolastici convenzionati, Accademia di Belle Arti, Università.

I singoli concerti hanno tre fasce di prezzo: 18 euro per il biglietto intero; 15 euro per gli spettatori fino a 26 anni e oltre 65, per i possessori della Carta Giovani, per le Associazioni musicali, per i Club Services, per gli abbonati alla stagione teatrale AMAT; 4 euro per le scuole. Abbonamenti e biglietti possono essere acquistati con il bonus cultura 18app e carta del docente.

INFO

Biglietteria Teatro Lauro Rossi

tel. 0733 230735 | fax  0733 261570 | boxoffice@sferisterio.it

FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana

tel. 071 206168 | fax 071 206730 | info@filarmonicamarchigiana.com

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com