Franco Fedeli spara a zero contro squadra e Inzaghi: “Ci sono elementi che non c’entrano nulla con la Samb. Pippo ha influenzato il guardalinee”

SAN BENEDETTO – E’ scuro in volto Franco Fedeli quando si presenta nella sala stampa S. D’Angelo del Riviera delle Palme. La delusione è tanta e la si evince dalle sue parole. “I regali li facciamo da tempo –dice- non solo oggi. C’ è qualcuno che continua a giocare e che, invece non deve stare in campo. E poi non abbiamo fatto neppure un tiro in porta. Non mi va di recriminare sull’ episodio del rigore sul 2-0 del Venezia che ci poteva anche stare. Siamo arrivati alla terza sconfitta consecutiva e l’unica che non mi va giù è quella con il Forlì. Le altre ci potevano anche stare. Di questa partita bisogna buttare via tutto. Ci sono tre elementi in squadra che non c’entrano nulla. Prendiamo troppi gol e siamo una delle peggiori difese del campionato. La posizione di Sanderra? Non è lui che va in campo”.

Stuzzicato sulle mancate critiche a Sanderra mentre a Palladini non gliene risparmiava una, Fedeli esplode. “Io non ho mai contestato Palladini né l’ho esonerato. Palladini è stato influenzato da Federico che ha fatto più danni della grandine. Ed io continuo ancora a pagarlo”.

Poi il patron rossoblù torna a commentare il momento della Samb. “Da tempo non vedo tenacia ed impegno da parte della squadra. I sette punti conquistati all’inizio del girone di ritorno ci avevano illuso, facendoci pensare che avessimo risolto tutti i problemi. Ed invece non abbiamo fatto nulla. La squadra non gioca, è la stessa di prima non è cambiato nulla. Ora lecchiamoci le ferite e speriamo di non perdere più in casa. A parte il Venezia siamo stati sconfitti da formazioni che sono sotto di noi in classifica. Mi dispiace –conclude Fedeli- che Pippo Inzaghi comandava il segnalinee dicendogli cosa fare. L’ho visto dalla tribuna e non è stato bello. Un campione un deve comportarsi così perché i giovani assistenti possono essere influenzati dalla sua personalità”.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento