Giornata della Trasparenza ad Ancona, sviluppati gli obiettivi in tema di amministrazione pubblica

ANCONA – Si è svolta oggi al Palazzo degli Anziani la Giornata della Trasparenza organizzata dall’Amministrazione comunale. Aperta con il saluto del vice sindaco Pierpaolo Sediari, ha registrato gli interventi del Segretario generale del Comune di Ancona e responsabile Anticorruzione e Trasparenza Giuseppina Cruso, del funzionario Riccardo Lasca, Coordinatore del Gruppo Anticorruzione e Trasparenza e del  funzionario amministrativo Saverio Concetti già DPO del Comune di Ancona.

I relatori hanno illustrato il contenuto della Sezione “Amministrazione Trasparente” del Comune di Ancona e correlati diritti dei cittadini sia in materia di accesso sia di privacy  e, nella seconda parte, con il coinvolgimento dell’assessore alle Attività produttive, Porto, Piano Strategico,  Relazioni Internazionali, Trasporti, Conerobus Bilancio, Ida Simonella e di Marco Giampieri della Direzione Generale sui contenuti del Piano 2017,  il  Piano Performance 2017 e la relativa relazione  a  consuntivo sul raggiungimento degli obiettivi previsti, lasciando infine spazio al dibattito.

Dalla relazione è emerso che gli obiettivi dell’anno 2017 sono stati raggiunti nel 79% circa dei casi, parzialmente raggiunti nel 10% dei casi, non raggiunti nell’1% dei casi e non valutabili nel restante 10% circa dei casi.

Dal  focus sulle razionalizzazioni di spesa è emerso che esse hanno consentito, a parità di servizi resi, di ridurre in modo stabile i costi  di gestione per circa 2.5 Milioni di euro  annui, cosa che ha generato dal 2014 (inizio mandato ad oggi) oltre 9 Milioni di euro di risparmi. Gli interventi di razionalizzazione hanno riguardato principalmente il rinnovo della pubblica illuminazione, innovazioni nella telefonia, l’organizzazione del servizio scuolabus e la logistica.

Per quanto concerne l’interlocuzione con i cittadini-amministrati  sotto il profilo della Trasparenza la Giornata  è stata l’occasione, come da programma adottato, per  esporre, delimitandoli, i 4 tipi di accesso oggi esistenti nell’ordinamento giuridico ‘locale’ vale a dire

-l’accesso ai documenti/provvedimenti sia finali che intermedi ma solo del cittadino avente specifico interesse,

-l’ accesso civico (detto anche ‘semplice’) che consiste in  una denuncia all’Ente su atti/informazioni non pubblicati mentre per legge lo devono essere,

-l’ accesso civico  ‘generalizzato’ ricadente su atti/ informazioni detenuti dall’Ente ma non soggetti a pubblicazione obbligatoria per legge (da rendersi singolarmente accessibili su specifica istanza non retta da specifico interesse),

– l’accesso del consigliere comunale, illimitato ma coperto da segreto d’ufficio.

E’ stata inoltre occasione per riflettere sull’abuso e/o uso distorto dei diritti suddetti (abuso/uso improprio del diritto) per aggirare divieti e/o divulgare dati non divulgabili al pubblico e  per riassumere le risultanze che emergono dal canale di ascolto attivo  sul sito dell’Ente (specifico Form di consultazione denominato ANTICORRUZIONE – La parola ai cittadinii per l’introduzione di nuove misure anticorruttive ovvero per migliorare quelle già adottate  e praticate.  Va ricordato a riguardo che l’Amministrazione comunale di Ancona  interloquisce costantemente con la cittadinanza.

Tra le varie tematiche è stato affrontato anche il tema complessivo del rapporto tra trasparenza e privacy.

 

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...