Greggi attaccate, ok della Regione Marche alla proposta di Coldiretti

ASCOLI PICENO – Bene l’estensione oltre l’area montana per i fondi per contenere i danni causati da lupi e cani inselvatichiti che attaccano le greggi ma occorre rendere più veloce la procedura di erogazione e prevedere somme maggiori.

Parziale soddisfazione da Coldiretti Marche alla notizia che la giunta regionale ha approvato i nuovi criteri e le modalità di assegnazione dei fondi del Psr per attenuare il conflitto lupo/allevatore. Coldiretti chiedeva da tempo di allargare l’area, in precedenza solo quella montana, per consentire alle aziende di dotarsi di adeguati sistemi di sicurezza come recinzioni e cani da pastore per contenere le predazioni.

Non si possono tuttavia sottovalutare altri aspetti molto sentiti dalla categoria. L’entità del rimborso, ad esempio, che non considera la perdita di reddito. O il fatto che, ad esempio, siano rimborsati solo i capi sbranati e non quelli effettivamente uccisi (ad esempio i capi morti per calca durante l’attacco).

È il caso dei 100 capi morti in un attacco avvenuto ad Ascoli lo scorso gennaio: solo 6, quelli trovati sbranati, saranno conteggiati per il rimborso. Nel 2018 sono stati denunciati in tutta la regione 107 attacchi (20% da parte di cani inselvatichiti) con 522 capi uccisi. La decisione della giunta arriva all’indomani dell’ennesimo attacco subito da un allevatore.

Stavolta le zanne hanno colpito ad Appignano del Tronto. Bilancio: tre pecore e sei agnelli sbranati nella strage nell’entroterra, sia sull’Appennino che nei pressi dei centri abitati.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...