Grottammare: al Teatro delle Energie secondo appuntamento con Oh che bel castello, ecco Il brutto, brutto anatroccolo

Pagina singola - 4 (mobile, www.tmnotizie.com)

GROTTAMMARE – Domenica 10 Dicembre secondo appuntamento con la stagione Oh che bel castello, in scena al Teatro delle Energie di Grottammare. Con inzio alle ore 17, la compagnia “Proscenio Teatro” presenterà la sua
fortunatissima produzione “Il brutto brutto anatroccolo”, dalla famosa fiaba di Andersen e dal mondo in cui viviamo.

Lo spettacolo è stato presentato a Roma e nelle maggiori città italiane, riscuotendo sempre un grandissimo successo, per la particolare rilettura della fiaba e per il vivace rapporto tra attori e pupazzi che lo rendono uno spettacolo allegro e particolarmente vivace.

Sono trascorsi esattamente trent’anni da quando nella “Fattoria del Sole Nascente”, situata nel ridente e tranquillo paese di “Poggiocalmo”, avvenne quell’eccezionale covata che vide la schiusa di ben sette uova. L’evento, più unico che raro, fu seguito in diretta televisiva da milioni di spettatori, che incollati davanti al piccolo schermo, seguirono, giorno dopo giorno, la più grande nascita che si fosse mai verificata nel paese.

“Poggiocalmo” balzò agli onori delle cronache e migliaia di persone si recarono alla Fattoria per congratularsi con Mamma Anatra Fernanda.  La successiva schiusa raffreddò gli entusiasmi, e il settimo nato, tutto nero, fu sottoposto alla prova dello stagno, poiché ritenuto un tacchino e non un anatroccolo come i suoi fratelli. La prova fu superata, ma nonostante questo, la vita  per lui fu subito in salita, tutti lo prendevano in giro, lo evitavano, lo beccavano, costringendolo infine ad andarsene.

Da quel giorno sono trascorsi trent’anni, la televisione ricorda l’evento chiedendosi dove fosse finito quel piccolo esserino scappato in un mondo che non aveva mai visto, nè conosciuto. Quel piccoletto è diventato grande, ce l’ha fatta a sopravvivere e con la forza di volontà è arrivato ad essere un valente Capitano di Marina. Nel suo splendido vestito bianco oggi sembra quasi un cigno, pattuglia il Mediterraneo cercando di salvare altri brutti anatroccoli scappati da Fattorie dove la vita è diventata impossibile.

Lo spettacolo, giocato tra attori, pupazzi e coinvolgimento diretto del pubblico, reinventa questa nota fiaba danese la cui metafora appare più attuale che mai, riscrivendola completamente, al punto di crearne una nuova. Un racconto dove è possibile divertirsi, identificarsi e partecipare, per vivere insieme una bella e significativa storia, perché di questo crediamo ci sia tanto bisogno.

Il Brutto Brutto Anatroccolo” prosegue la ricerca che Marco Renzi porta avanti da sempre, quella di creare una drammaturgia su misura per i più piccoli, in grado di raccontare in maniera giocosa e incisiva il mondo in cui tutti viviamo, perché a loro sarà affidato il compito di migliorarlo.

“Proscenio Teatro” é una società che si occupa di produzione ed organizzazione teatrale, mette in campo, oltre ad una scuola di teatro, anche spettacoli di prosa per un pubblico adulto ed altri destinati al mondo dell’infanzia e della gioventù. Due sono le direzioni artistiche, quella di Stefano Tosoni per il teatro di prosa e quella di Marco Renzi per il teatro ragazzi. Per quel che concerne lo spettacolo rivolto ai più piccoli “Proscenio Teatro” vanta la direzione artistica di Marco Renzi, che da quarant’anni, ininterrottamente, opera in questo settore: ideatore, fondatore e direttore artistico dal 1990 al 2016 de “I TEATRI DEL MONDO” e dal 2017 di “MARAMEO-festival internazionale del teatro per ragazzi”, direttore artistico prima della Compagnia “Teatri Comunicanti” e poi della società “Eventi Culturali”, fondatore e membro del Comitato Artistico di “PALLA AL CENTRO” vetrina delle produzioni teatro ragazzi e giovani del Centro Italia, responsabile di “T.I.R.-TEATRI IN RETE” prima rete teatrale nata nelle Province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata, il più grande circuito di teatro per l’infanzia e la gioventù nella parte sud della Regione Marche.

Ha al suo attivo oltre trenta produzioni e dodici pubblicazioni con diverse case editrici italiane. I suoi testi sono stati messi in scena da diverse formazioni del nord, centro e sud Italia, visti in tutte le regioni e le principali città italiane, ha inoltre portato i propri lavori in Spagna, Inghilterra, Austria, Svizzera, Croazia, Serbia, Russia e Tunisia, ed effettuato progetti di teatro e solidarietà in Etiopia, Amazzonia, Albania, Kosovo, Ghana e Kenya. “Il Brutto Brutto Anatroccolo” è il suo trentaduesimo spettacolo scritto per i ragazzi.

Vista l’alto numero delle adesioni arrivate e del pacchetto abbonamenti, si consiglia di prenotare il posto preventivamente. E’ possibile farlo anche telefonicamente chiamando dal lunedì al venerdì lo 0734-440348-440361 (ore 9-13,30), in altri orari 340 5431654.

 

 

 

print

Commenti

commenti

Articoli collegati

In caricamento...