Grottammare, per il 2 giugno ai neo 18enni vanno le chiavette della città

GROTTAMMARE – Il testo della Costituzione italiana ai diciottenni dell’anno per le celebrazioni della Festa della Repubblica. Come da qualche anno a questa parte, l’amministrazione comunale intende condividere i valori della ricorrenza con i più giovani: l’invito ai festeggiamenti del 2 Giugno questa volta è stato spedito a 155  ragazzi nei diciottenni o in procinto di diventarlo nel corso dell’anno.

Per loro, le “chiavette della Città”: non solo un pratico supporto informatico di largo uso, ma un modo “smart” per far conoscere la Legge fondamentale della Repubblica italiana e lo Statuto comunale, con l’augurio di diventare cittadini consapevoli dei propri diritti e dei propri doveri.

E’ pronto, dunque, il programma dell’iniziativa che si svolgerà domenica 2 giugno nel Giardino comunale. L’apertura delle celebrazioni è affidata alla Corale Sisto V, con il concerto che avrà inizio  alle ore 11. Seguiranno i saluti delle istituzioni locali e la cerimonia di consegna delle “Chiavette della Città” (11.45 circa). L’iniziativa è organizzata dalla Presidenza del Consiglio comunale ed è aperta a tutta la  cittadinanza.

Il ricordo al giurista Pietro Calamandrei ispira l’invito rivolto ai ragazzi: “Per mettere in evidenza l’origine e la grandezza della nostra Carta – si legge nella lettera firmata dal sindaco Enrico Piergallini e dal Presidente del consiglio comunale Stefano Troli – vorremmo ricordare le parole di Pietro Calamandrei, giurista membro dell’assemblea costituente, il quale ebbe a dire a dei giovani universitari ‘Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione’. Vorremmo dunque sollecitare i giovani a non dimenticare mai queste parole e a non pensare che quello che è stato conquistato sia garantito per sempre: tutto ciò deve essere quotidianamente coltivato con l’impegno culturale, sociale e politico nella nostra Città e più in generale nella società”.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...