Concorso di Poesia

IDV – Donini: “Psicologo di base proposta opportuna e necessaria”

Ninel Donini

Gli accadimenti all’ordine del giorno impongono delle riflessioni profonde e l’opportunità di potersi rivolgere a delle figure professionali che contribuiscano a far ritrovare il benessere alla cittadinanza.

Per questo l’esponente IDV Ninel Donini in una nota si sofferma sulle potenzialità del cosiddetto “psicologo di base”:

“Ciascuno di noi attraversa momenti di disagio psichico ed esistenziale, provocato da componenti profonde e/o relazioni difficili.” – spiega la Donini – “Spesso è impossibile affrontare da soli tali situazioni ed esiste il rischio concreto che il disagio si trasformi in aggressività verso se stessi o verso persone ritenute significative. Anche un estraneo può essere significativo se evoca paure e ricordi che la persona ritiene pericolosi per la propria integrità.

 La tragedia dell’aereo della Germanwings di qualche giorno fa, conserva la drammaticità della risposta che una persona dà alla propria sofferenza psichica. La stessa frequenza di atti di violenza in famiglia, il più delle volte contro il partner, o meglio la partner, sta a testimoniare l’incapacità della persona a riconoscere in tempo utile l’origine della propria insoddisfazione, con conseguenze immaginabili per i figli, il punto più fragile della relazione familiare. In questo quadro la proposta fatta dall’Ordine dei Psicologi delle Marche di istituire uno psicologo di base ed uno psicologo del territorio risulta quanto mai opportuna e necessaria.

Oltre all’aiuto evidente che può essere offerto alla persona e alla famiglia in difficoltà, è stato effettuato un calcolo economico che evidenzia un netto risparmio per la spesa pubblica socio-sanitaria. Lo psicologo del territorio verrebbe poi, a colmare quel vuoto di conoscenza reciproca tra le persone che abitano in case ae strade vicine. Quello che colpisce infatti, dopo tragedie familiari, è la totale mancanza di informazioni sulle reali condizioni della famiglia travolta dal dramma. Nessuno sembra percepire ciò che accade nell’appartamento accanto. Sono cambiate le modalità relazionali, c’è una chiusura solitaria ed individualistica, lo psicologo può aiutare a ricreare la rete di solidarietà che una società, basata sulla competizione esasperata e narcisistica, sta distruggendo.”

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento