Il sen. Giorgio Fede nominato coordinatore regionale del Movimento Cinquestelle


SAN BENEDETTO – “Quella che mi ha affidato ieri sera il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, è una grande responsabilità, e lo ringrazio per la stima e la fiducia che ha voluto riporre in me”. Così in una nota il senatore Giorgio Fede, designato ieri sera coordinatore del movimento 5 Stelle delle Marche nel corso di una conferenza stampa del presidente del M5S, Giuseppe Conte.

Fede, nel 2020-2021 aveva già ricoperto il ruolo di facilitatore relazioni interne, fino all’introduzione del nuovo Statuto.

“Quella che mi ha affidato il presidente Conte è una grande responsabilità – afferma il senatore Fede – e mi impegnerò per onorarla lavorando, come ho sempre fatto, con trasparenza, profondo impegno e con l’obiettivo di fare il bene della nostra meravigliosa Regione e della sua comunità di portavoce, attivisti e simpatizzanti del M5S. Credo molto nel concetto di squadra, un aspetto fondamentale del fare politica, e credo profondamente nella squadra del Movimento 5 Stelle.

Credo che questi ruoli siano importantissimi soprattutto dopo aver avuto conferma di quanto lavoro dobbiamo ancora fare sui territori. Dobbiamo ricostruire ed aggregare attorno al Movimento mettendo a frutto quell’impegno profuso in questi anni da tutti i nostri attivisti, lavorando per farlo comprendere di più e meglio. La sfida – prosegue – è quella di dare al Movimento una struttura che non ha mai avuto per rendere l’azione di ogni singolo componente più efficace.

In quest’ottica sarà fondamentale la riorganizzazione territoriale e la nomina dei referenti provinciali che attendiamo insieme al regolamento per i gruppi locali che ci consentiranno di lavorare davvero come una squadra. Ne abbiamo estremamente bisogno per ridare slancio a questa grande famiglia che è il Movimento 5 Stelle.

Avanti tutta quindi, forti di un nuovo corso del Presidente Giuseppe Conte che è stato definitivamente giudicato in maniera favorevole per il rispetto delle regole e della democrazia anche dal Tribunale di Napoli chiudendo alle richieste di 4 ex iscritti e dando ragione alle scelte approvate a grandissima maggioranza”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...