INAUGURATA AL MUSEO NAZIONALE DI BUENOS AIRES LA MOSTRA “MERAVIGLIE DALLE MARCHE II”.

INAUGURATA AL MUSEO NAZIONALE DI BUENOS AIRES LA MOSTRA “MERAVIGLIE DALLE MARCHE II”.

Nella suggestiva cornice della prestigiosa sede del Museo nazionale di arti decorative di Buenos Aires, con notevole presenza di pubblico, ė stata inaugurata la mostra d’arte “Meraviglie dalle Marche II”.
L’esposizione è stata curata dal professor Giovanni Morello, Presidente di Artifex Italia e dal professor Stefano Papetti, con il contributo della Regione Marche e la collaborazione del Museo nazionale. Questa esposizione è la seconda edizione della mostra “Meraviglie dalle Marche. Seicento anni di pittura italiana” che due anni fa riscosse un grande successo, superando i 100mila visitatori.
L’evento culturale ha riproposto un’accurata selezione di opere d’arte (circa 40), provenienti dai musei pubblici, diocesani e privati delle Marche. Una riedizione della mostra chiesta a gran voce dai tanti amanti della cultura italiana in America Latina, con enti ed istituzioni di quel Paese che si sono adoperati affinché il susseguirsi degli eventi fosse coronato da successo.
L’assessore Maura Antonella Malaspina, intervenendo alla cerimonia inaugurale della mostra in sostituzione del presidente Spacca, ha sottolineato i legami profondi che caratterizzano e segnano i rapporti tra le due comunità e tra le istituzioni dei due Paesi.
“Si stima – ha sottolineato l’Assessore regionale – che siano attualmente oltre un milione gli abitanti di origine marchigiana presenti ed operanti in Argentina. La mostra vuol essere, anzitutto, un tributo di affetto verso la comunità italiana e marchigiana e la testimonianza di come tale comunità rappresenti un punto di riferimento di straordinario valore per la prospettiva di crescita di due Paesi, segnati da una profonda crisi economica, ma alla ricerca di nuove vie di sviluppo e di cooperazione”. Malaspina ha posto l’attenzione anche sui contenuti della mostra definendola “uno spaccato di civiltà, che ha la pretesa di presentare in un viaggio di oltre quattro secoli e con l’utilizzo di quaranta capolavori d’arte, un viaggio non solo nell’evoluzione dell’arte, ma anche nella crescita dell’Uomo e dell’Umanitá”. Apprezzamento per il lavoro svolto sul fronte dell’internazionalizzazione compiuto dalla Regione Marche e dal presidente Spacca, in questi anni in Argentina, sono giunti dall’ambasciatore Teresa Castaldo. Nel corso della cerimonia inaugurale sono stati consegnati attestati ad importanti imprenditori di origine marchigiana. L’assessore Malaspina si è intrattenuta a lungo con il direttore dell’Ice Sergio La Verghetta e con gli imprenditori marchigiani in una riunione organizzata dall’Associazione Marchigianar.
Altra iniziativa definita dall’assessore Malaspina, in stretto raccordo con l’ambasciatore Castaldo, è stato quello della divulgazione in Argentina del film “Il giovane favoloso”, ad iniziare dal prossimo anno che sarà l’Anno della cultura italiana in America Latina. L’Ambasciata italiana in Argentina e la Regione Marche coordineranno il programma che riguarderà non soltanto il film, ma una serie di iniziative culturali collaterali che nel corso del 2015 l’Istituto italiano di cultura promuoverà nel Paese. .

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento