Inaugurato il pannello che ricorda La Trappoletta, il primo stadio della Samb

SAN BENEDETTO – Un pannello che ricorda la location del primo campo sportivo utilizzato dalla Sambenedettese e soprannominato, in virtù della sua conformazione, “La Trappoletta”. E’ stato inaugurato sabato mattina in piazza San Giovanni Battista dove, fino agli anni Trenta una giovanissima Sambenedettese ha giocato e si è allenata.

E’ stato il momento clou di una due giorni di iniziative organizzate dal Rotary Club di San Benedetto del Tronto del presidente Alberto De Angelis, che hanno avuto al centro il rapporto tra la Samb e la città di San Benedetto, partendo proprio da quell’area, nel cuore del centro cittadino, da dove tutto è nato.

Le iniziative hanno preso il via venerdì pomeriggio nella sala conferenze di Palazzo Capocasa, distante pochi metri dal luogo in cui sorgeva il primissimo campo sportivo. Un incontro al quale hanno partecipato un centinaio di cittadini che hanno ascoltato i saluti del presidente Alberto De Angelis, del consigliere comunale Mario Ballatore e dell’addetto stampa della Sambenedettese Calcio Matteo Bianchini presente, insieme alla responsabile marketing Simona Piergallini, in rappresentanza della società rossoblù.

Ad aprire i lavori è stato il professor Gianluca Antonucci, docente dell’Università D’Annunzio di Chieti – Pescara. Il professore ha parlato della crescita dei giovani atleti soffermandosi sulle difficoltà incontrate dalla realtà di provincia ma dando vita ad un lungo approfondimento sull’attuale situazione del mondo calcistico italiano e non solo.

Quindi è toccato al giornalista Emidio Lattanzi parlare di come lo sviluppo economico della città sia spesso andato a braccetto, in un modo o nell’altro, con le fortune agonistiche della squadra cittadina. Momenti di commozione al ricordo della figura del presidente Domenico Roncarolo (presente in platea il figlio Giorgio), che riuscì a coinvolgere la marineria nel contributo alla Samb neo promossa in serie B negli anni Cinquanta. Curiosità tra i presenti anche per due filmati dell’Istituto Luce, sempre degli anni Cinquanta, incentrati proprio sulla “piccola” Samb.

A scendere nel dettaglio sulla storia degli stadi cittadini è stato invece il professor Stefano Novelli che ha tracciato il percorso iniziato nell’attuale Piazza San Giovanni con la Trappoletta e passato prima per l’area portuale (con il Ballarin) e infine nell’attuale location del Riviera delle Palme. Tanti gli aneddoti e i riferimenti a vicende legate proprio alle particolarità della “Trappoletta”.

Sabato mattina, quindi, l’inaugurazione del pannello ideato da Stefano Novelli, Nicola Genziani e Giuseppe Merlini, alla presenza del sindaco di San Benedetto Pasqualino Piunti e di una delegazione di ragazzi militanti nelle giovanili della Sambenedettese.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...