Incontro sul Brigantaggio all’Archivio di Stato di Teramo, giovedì 21 aprile alle ore 18

TERAMO – Giovedì 21 aprile alle ore 18, all’Archivio di Stato di Teramo, si terrà la prima presentazione del volume dal titolo Fonti per lo studio del brigantaggio meridionale (Secoli XVIII-XIX) curato dalla prof.ssa Francesca Fausta Gallo, preside e ordinario di Storia Moderna alla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Teramo. Pubblicato nel 2022 da Ricerche&Redazioni, il volume inaugura la nuova Collana editoriale “I quaderni di Scienze Politiche” diretta dalla stessa prof.ssa Gallo.

Il volume sarà presentato dalla direttrice dell’Archivio di Stato dell’Aquila Marta Vittorini. All’incontro, moderato dallo storico Luigi Ponziani, prenderanno parte insieme alla curatrice, il direttore dell’Archivio di Stato di Chieti Pietro Federico e i sei autori dei contributi:

– “Fonti per lo studio del brigantaggio del Mezzogiorno d’Italia” di Francesca Fausta Gallo (preside e docente Unite)
– “Istituzioni e briganti nella regione più settentrionale del Regno di Napoli”, di Ottavio Di Stanislao (direttore Archivio di Stato di Teramo)
– “Il brigantaggio nelle carte dell’Archivio di Stato di Pescara”, di Silvia Iovane (direttore Archivio di Stato di Pescara)
– “Il brigantaggio preunitario in Abruzzo attraverso la disamina dei fondi dell’Archivio di Stato di Chieti”, di Stefano Lalli (storico)
– “Il fondo manoscritti Villani: le tracce del brigantaggio in un archivio privato, tra cronaca e conflitto”, di Angelo Rinaldi (dottorando Unite)
– “I processi penali dei tribunali militari. Una fonte di studio per la guerra del brigantaggio”, Mariamichela Landi (docente Unite)
– “Oltreconfine. Immagini di briganti nell’Archivio del museo di antropologia criminale “Cesare Lombroso” dell’Università di Torino”, di Maddalena Carli (docente Unite)

Le ricerche sul brigantaggio, nell’ultimo ventennio, si sono moltiplicate soprattutto grazie all’emergere di nuovi campi di ricerca e di inedite linee interpretative. Con questo volume, che scaturisce da un seminario tenutosi a Teramo il 10 giugno del 2021, si vuole dare nuova centralità soprattutto alle fonti, a partire da quelle archivistiche.

Nella prima parte del volume, i saggi degli archivisti di tre archivi di stato abruzzesi – Teramo, Pescara, Chieti – presentano una ricognizione sulle fonti utili per una ricerca sul brigantaggio, tenendo presente una cronologia ampia, non schiacciata sul “brigantaggio post-unitario”, e provando a restituire la variegata complessità del fenomeno, al di là di precostituite e ormai superate differenziazioni tra un “brigantaggio politico” e un “brigantaggio sociale”.

Nella seconda parte del volume vengono presentate alcune ricerche inedite, ognuna delle quali si è concentrata sull’indagine di una fonte specifica per tipologia (fonti iconografiche, diari, fonti giudiziarie), per cronologia (dal XVIII al XX secolo), per luogo di produzione e conservazione.

«La collana “I quaderni di Scienze Politiche” – spiega la preside Gallo in terza di copertina – intende valorizzare le ricerche che maturano all’interno della Facoltà di Scienze Politiche di Teramo, evidenziandone il carattere multidisciplinare e interdisciplinare, rappresentato dalle diverse discipline che vi trovano spazio, da quelle politologiche a quelle storiche, da quelle economico-quantitative a quelle giuridiche, da quelle linguistiche a quelle sociologiche.

Oltre ai lavori dei docenti saranno pubblicati gli studi più pregevoli dei dottorandi e degli assegnisti di ricerca, ma anche gli atti di conferenze e di seminari svolti all’interno della Facoltà. La collana vuole, quindi, rappresentare un’occasione di riflessione e approfondimento di temi e problemi che, in vario modo, coinvolgono la nostra società e vuole offrire strumenti di lettura e di comprensione critica capaci di decodificare la complessità che ci circonda.»

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...