Indesit Albacina – Gli interventi di Comi e Crocetti del PD

WHIRLPOOL/INDESIT, PARLAMENTARI M5S: “GOVERNO NEGLIGENTE E IRRESPONSABILE”

La dichiarazione di Gianluca Ficco della UILM nazionale a proposito della chiusura degli stabilimenti Indesit di Albacina e Caserta  ha lasciato più che l’amaro in bocca questa mattina. Forti le reazioni politiche, come quella del segretario PD di Fabriano Michele Crocetti:

“Il Partito Democratico di Fabriano esprime preoccupazione per il nuovo piano industriale nazionale Whirlpool che, da quanto afferma il Governo in una delle agenzie diffuse, si è discostato dall’impegno a non procedere a licenziamenti unilaterali.” -commenta Crocetti –  “Per questo ci impegneremo a sollevare la questione presso tutti i canali istituzionali competenti, affinché si possa al più presto fare chiarezza e giungere ad una soluzione che salvaguardi i livelli occupazionali del nostro territorio.

I tanti lavoratori e le loro famiglie hanno bisogno di garanzie in merito: l’eventuale e contestata scelta di diminuire l’occupazione non può essere in alcun modo condivisa, perché determinerebbe un danno irreversibile ad un tessuto economico e sociale già fin troppo lacerato dalla perdurante crisi economica.

Auspichiamo, quindi, l’intervento delle massime istituzioni per trovare una soluzione che tuteli i lavoratori, e ci auguriamo che la Whirlpool si dimostri seria e disponibile al dialogo in questo delicato momento, confidando nel fatto che il Governo ha già espresso contrarietà al piano, relativamente alle possibili ricadute negative sui livelli occupazionali”.

Sullo stesso tema anche il segretario regionale Francesco Comi:

“Le notizie relative al piano industriale presentato dalla Whirlpool al Mise per l’integrazione della Indesit non possono non destare allarme e preoccupazione, parlando di esuberi e ipotizzando la cessazione dello stabilimento di Albacina, oltre la chiusura di altri centri. Esprimiamo, quindi, la nostra massima solidarietà a tutti i lavoratori coinvolti e alle loro famiglie, che devono subire ancora il gravoso carico dell’incertezza e della mancanza di prospettiva.

Al contempo, però, non vogliamo fasciarci la testa prima di essercela rotta. Il Governo, infatti, ha già dichiarato la propria contrarietà al piano, relativamente alla parte che comporterebbe effetti troppo negativi in termini di occupazione. Siamo fiduciosi che, nel confronto che seguirà in queste settimane con l’azienda americana, il Governo saprà rimettere la barra al centro e trovare un equilibrio tra gli investimenti programmati e la ridefinizione produttiva, tutelando la forza lavoro.

In questo senso, non si capisce, proprio  a proposito di polemiche, di cui parla Spacca, perché il governatore sia stato il primo ad averle evocate puntando il dito contro il Governo, piuttosto che pensare alle rassicurazioni che lui stesso aveva dato ai tempi del passaggio Indesit-Whirlpool, quando aveva garantito ai lavoratori e al territorio che non sarebbero stati intaccati i livelli occupazionali fino al 2018”.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento