Concorso di Poesia

Indesit, UGL preoccupata per lo stabilimento di Comunanza

Indesit, UGL preoccupata per lo stabilimento di Comunanza

Una UGL preoccupata quella che affronta il caso Indesit e anche la segreteria Metalmeccanici di Ascoli Piceno esprime  la sua preoccupazione per lo stabilimento di Comunanza:

“Lunedì 27/04 al MISE il confronto con la WHIRLPOOL sarà duro e difficile. La WHIRLPOOL ha calato un Piano Industriale estremamente drammatico sul fronte ex INDESIT; il processo di “razionalizzazione”  WHIRLPOOL ITALIA disfa l’impegno ex INDESIT  e colpisce al cuore aree geografiche e livelli di occupazione.” – comunica

Certamente CARINARO e MELANO sono toccati duramente con processi di chiusura ma anche Comunanza viene posta in stato di allerta.

Il Piano WHIRLPOOL prevede per Comunanza una produzione di 800 mila lavatrici l’anno  ed un esubero potenziale  di 170 unità  lavorative;  già con il Piano INDESIT sono andati in mobilità 40 lavoratori.

Lo stabilimento di Comunanza ha prodotto   fino a 1.350.000  di lavatrici l’anno;  la previsione di 800 mila pezzi per l’anno 2015 non soltanto ritara in negativo la occupazione ma segna una soglia molto pericolosa per il mantenimento dello stabilimento.

Per noi è spia rossa. La acquisizione totalitaria della INDESIT da parte della WHIRLPOOL, lungi da essere stata la vincita di una lotteria  risulta drammatica per alcune aree geografiche e pericolosa per la nostra di Comunanza.

Le Istituzioni del Piceno farebbero bene ad essere attente e a non distrarsi in facili euforie.

Lo stabilimento di Comunanza chiamato a competere con gli stabilimenti WHIRLPOOL DI Polonia, di Napoli, di Turchia, di Slovacchia, posizionato a 800 mila pezzi di produzione presenta problemi immediati di esubero e rischia in proiezione il mantenimento del sito.

Questi sono i segnali pessimi del Piano Industriale WHIRLPOOL; attivarsi e prevenire per il necessario consolidamento dello stabilimento di Comunanza deve essere l’impegno di tutti.”

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento