La Commissione Federale e il presidente Gravina bocciano la Samb di Bucci, niente Serie D in sovrannumero


SAN BENEDETTO – La SSD Sambenedettese 1923 di Manolo Bucci è stata bocciata dalla Commissione federale. La decisione è stata avallata dal presidente Gabriele Gravina e la società dell’imprenditore romano non è stata ammessa in soprannumero in serie D. La comunicazione è stato inviata al Comune e alla stessa società rossoblù.

Sembra, secondo alcune indiscrezioni provenienti da Roma, che siano state tre le criticità rilevate dai vertici del calcio nazionale. La prima è relativa alla documentazione presentata in cui  risulterebbe un budget in perdita di un milione e 100mila euro senza le necessarie garanzie per rientrare. Insomma un business plan senza le coperture richieste-.

La seconda è relativa alla posizione di Manolo Bucci che da alcuni mesi è proprietario o comunque referente della Samb 1923 oltre che del Valmontone (Promozione laziale), senza averne titolo e  senza poter essere nemmeno socio occulto.

La terza e ultima è invece relativa al rapporto, non chiaro, con la signora Antonella Pennacchi, amministratore unico della Samb 1923. E dunque il calcio rossoblù, a quasi quattro mesi dal fallimento del 4 maggio scorso, non riesce ancora a ripartire.

Ora l’unica chances affinchè la Samb possa prendere parte alla serie D sta nella decisione del Tar del Lazio di lunedì prossimo che dovrà decidere sul ricorso presentato da Roberto Renzi che chiede l’ ammissione al massimo campionato dilettantistico a seguito del decreto, sempre del Tribunale Amministrativo che ha ammesso in D la Casertana, lo scorso 17 agosto.

Si discuterà lunedì prossimo 6 settembre.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...