La festa del Porto d’Ascoli all’ hotel Sporting (Fotogallery)

SAN BENEDETTO – Il Porto d’Ascoli si è ritrovato all’ hotel Sporting per la canonica festa di Natale e per gli auguri di un felice 2019. Presente tutta la  dirigenza con il presidente Filippo Damiani in testa, prima squadra e juniores e tutti i collaboratori della grande famiglia biancoceleste. L’amministrazione comunale era rappresentanta dal vice sindaco Andrea Assenti e dall’ assessore allo sport Pierluigi Tassotti. Il 2018 è stata veramente un’annata fantastica per il club biancoceleste presieduto da Filippo Damiani, coincisa con la conquista dei play off per la serie D.

“Il Porto d’Ascoli –ha detto il tecnico Sante Alfonsi– è una grande famiglia dove si lavora veramente bene. Abbiamo in squadra dei bravi ragazzi oltre ad essere buoni calciatori e per me diventa più facile lavorare nello spogliatoio. In questo campionato, siamo partiti male ma l’impegno per migliorarci c’è sempre stato. La strada da fare è tanta, ma siamo fiduciosi. Lo scorso anno abbiamo fatto qualcosa di impensabile con la conquista dei play off ed oggi sognare non costa nulla. Non so se ripeteremo lo stesso risultati ma abbiamo tutte le potenzialità per fare bene. Colgo l’ occasione per ringraziare tutti i miei collaboratori ed i ragazzi che mi sopportano nel corso degli allenamenti”.

“Il Ciarrocchi è la nostra casa –ha affermato Laura Damiani nel corso della presentazione della serata- abbiamo una struttura incredibile, fiore all’occhiello di questa città e del nostro quartiere. Una struttura che ogni anno cresce e migliora, grazie innanzitutto alla famiglia Massi, a cui dobbiamo, come società, tantissimo. Ringraziamo anche il Comune di San Benedetto del Tronto, stasera rappresentato dall’assessore Tassotti, dal Vice sindaco Assenti. Certo, non ci dispiacerebbe un po’ di aiuto in più ma a Natale siamo tutti più buoni e allora grazie per ogni contributo che riuscite e riuscirete a darci, perché il Ciarrocchi è un bene di tutti e un luogo attrezzato e sano dove i bambini e i giovani di Porto d’Ascoli, di San Benedetto e di tanti paesi limitrofi, possono crescere e vivere sereni.

Un grosso grazie va ai nostri preziosi e insostituibili custodi, Antonio e Pierluigi, Sandro Marucci e il suo “ufficio confessionale”, Vittorio Sciarra e la sua precisione maniacale, il nostro piccolo grande uomo Lanfranco, Massimo e la sua grande simpatia, Antonio il nostro fantastico chef, la meravigliosa Brunella e la mitica pizzeria PDA, che ormai è diventata una costola del Ciarrocchi, Fabio Straccia e la sua coppola sempre in ebollizione…..e tutti gli accompagnatori e gli amici del PDA, sempre presenti e disponibili…..ognuno è un tassello fondamentale di questa Società e senza di voi nulla sarebbe com’è.

Questa sera sono presenti i ragazzi della Prima squadra, quelli della Juniores e anche alcuni Allievi. Tutti insieme, proprio perché sono davvero un’unica realtà. Tutti a disposizione della squadra, tutti per un unico obiettivo: far bene. Per far bene è necessaria una guida e un supporto continui. Per voi sempre presente e disponibile, il nostro mitico Team Manager Gigi Traini! Grazie davvero a tutti voi”.

Il Porto d’Ascoli vanta anche numeri importanti per quanto riguarda il settore giovanile. “Abbiamo una scuola calcio Élite con 270 iscritti –ha aggiunto il presidente Filippo Damiani– che sarebbero potuti essere molti di più. Abbiamo dovuto rinunciare all’iscrizione di diversi bambini, perché non sarebbe stato possibile poterne accogliere di più, garantendo lo stesso servizio. Vorrei ringraziare per questo i nostri istruttori, che con grande passione e dedizione seguono tutti i bambini e le bambine dall’età di 5 anni a questi più grandi. I nostri istruttori frequentano corsi di formazione continuamente e dedicano il loro tempo a questo progetto: Pino, Stefano, Simone, Mattia, Giovanni, Saverio, Giorgio, Marino, Karin, Alessandra, Paolo, Donatello, Andrea, Domenico, Giuseppe, Marcello, Francesco e Sante”.

Il massimo dirigente biancoceleste, infine, analizza l’attutale campionato dell’ undici di Sante Alfonsi. “Quest’anno abbiamo dimostrato di saper compiere scelte coraggiose. Abbiamo deciso di rinnovare, di ringiovanire e di puntare sui giovani. A volte arrivano anche le sconfitte, come domenica scorsa. Come ho detto ai ragazzi, gli incidenti possono accadere, le cadute ci possono essere, ma bisogna essere bravi a rialzarsi, guardare cosa si è sbagliato, non ripeterlo più e puntare con determinazione al prossimo obiettivo. Vi ricordo che fra poco è Natale e ci piacerebbe ricevere solo bei regali! Ci stiamo comunque togliendo tante soddisfazioni e siamo certi che ce ne toglieremo tante altre”.

Sabato 22 dicembre il Porto d’Ascoli alle ore 14.30 ospiterà il Marina, mentre il sbato successivo (29 dicembre) chiuderà il 2018 con il Portorecanati.

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...