La Goldengas spa dona 50mila euro all’ Azienda Ospedali Riuniti di Ancona

ANCONA – “In un momento drammatico come quello che stiamo vivendo, la solidarietà ci aiuta a guardare al presente e al futuro con un pizzico di ottimismo in più.” A parlare è il Direttore Generale dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona Michele Caporossi che coglie l’occasione per rivolgere un sentito ringraziamento alla Goldengas S.p.A., azienda leader nella fornitura di prodotti petroliferi , che insieme ad altre aziende del Gruppo, la Petrolifera Adriatica S.p.A., la Goldenergy Srl e la Eurogas Srl, ha donato 50 mila euro agli Ospedali Riuniti per la gestione dell’emergenza, affinché si acquistino dispositivi medici dedicati e tecnologia per aumentare e potenziare le aree per la gestione dei pazienti Covid.

“A Franco, a Federico e a tutta la famiglia Petrolini – dichiara Caporossi – rivolgo il più sentito ringraziamento mio personale e degli Ospedali Riuniti di Ancona e di tutti gli operatori che quotidianamente ed instancabilmente sono al lavoro per cercare di fronteggiare al meglio possibile questa emergenza che sta mettendo alla prova davvero tutti quanti, alle prese con un numero impressionante di pazienti che provengono in condizioni critiche da tutto il territorio regionale. Un atto di liberalità che sarà impegnato per l’acquisto di urgenti dispositivi di protezione individuale senza i quali i nostri operatori non possono svolgere in sicurezza il loro compito. Stiamo cercando tutte le forme per ottenere forniture rapide e sicure.

“Il nostro- hanno detto Franco Petrolini presidente e Federico Petrolini amministratore delegato della Goldengas -è un modo per dire un grazie a quegli operatori che ogni giorno stanno al fronte e combattono una guerra contro questo terribile virus. Dobbiamo unire le forze e fare ognuno, per quanto ci è possibile, la propria parte per aiutare chi sta dedicando la propria vita agli altri. Stiamo vivendo una emergenza che sta mettendo a dura prova la tenuta del nostro tessuto socio-economico e la salute dei cittadini italiani. “

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...