La Samb a Senigallia per chiudere in bellezza la stagione, Renzi disattende l’ennesima promessa di pagare i rimborsi ai calciatori

SAN BENEDETTO – Ultima trasferta stagionale per la Samb ed ennesimo derby. Questa volta l’avversario dei rossoblù sarà la Vigor Senigallia, seconda forza del campionato. L’undici di mister Clementi viene da sette risultati utili consecutivi e domenica scorsa ha sconfitto di misura l’Avezzano. Nella gara di andata Alex Marini e compagni sbancarono il Riviera per 2-1. Vantaggio Samb con Proia e poi rimonta e sorpasso vigorino con le reti di Mancini e Kerjota. Un passo falso che acuì la crisi della formazione rivierasca già lontana dalle posizioni di vertice del girone.

La Vigor Senigallia, invece, inizò la lunga cavalcata alla r8icnorsa della capolista Pineto oggi distante quattro punti a sole due guiornate dal termine della regular season. Gli abruzzesi sono attesi dalla trasferta con la Roma City con l’udici di Statuto che vuole uscire dalla zona play out o almeno portare ad otto i punti di vantaggio sul Notaresco evitando così gli spareggi salvezza. Una gara, quindi, in cui la formazione di Aldo Clementi cercherà l’ennesimo risultato pieno.

La Samb, comunque non scenderà in campo al comunale di Senigallia vestendo i panni dell’agnello da sacrificare. Mister Manono punta sullo spirito di rivalsa dei suoi ragazzi che, raggiunta la salvezza in anticipo, ora vogliono chiudere il campionato nel miglior modo possibile.

Non è escluso che il tecnico rossoblù possa dar spazio alle seconde linee a coloro che, in questa seconda parte di stagione, hanno giocato di meno o ai giovani della juniores già aggregati alla prima squadra. Ancora fuori Zaffagnini, acciaccato Tassi. Può tornare a disposizione Del Moro, così come Cardella. L’ex Pineto ha scontato i due turni di squalifica e potrebbe quindi essere in campo domenica con la Vigor Senigallia.

Intanto il presidente Roberto Renzi ha disatteso l’ennesima promessa. Il termine fissato con Angiulli e compagni per pagare il 70% di novembre e le mensilità di dicembre, gennaio, febbraio e marzo è scaduto senza che i rossoblù ricevessero quanto dovuto. E domani le mensilità diventeranno sei. In scadenza ci sarebbe anche la rata di aprile dei lodi arbitrali riguardanti sei calciatori dell’era Serafino che erano andati in scadenza a dicembre 2022.

Anche riguardo a questa situazione, Renzi non ha pagato due rate quella di marzo e quella che scadeva lo scorso quindici aprile che riguardavano invece i lodi arbitrali di altri due calciatori, con questi ultimi che erano andati in sentenza a gennaio. Sembra che arrivati a questo punto le rateizzazioni potrebbero decadere con Renzi che sarebbe costretto di dovere pagare in un’unica soluzione.

In città, poi, continuano a rincorrersi voci di una possibile cessione della Samb. L’unica certezza è che la situazione finanziaria del club del Riviera delle Palme è sempre più critica e ci sarebbero anche un paio di decreti ingiuntivi emessi da alcuni fornitori. Di male in peggio.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...