Concorso di Poesia

La Samb batte di misura il Bassano, chiude il discorso salvezze e punta al sesto posto

SAN BENEDETTO – La Samb sfata il tabù Riviera delle Palme. Pezzotti e compagni tornano al successo tra le mura amiche dopo oltre un mese. Era dallo scorso 29 gennaio contro il Gubbio che l’undici rivierasco non riusciva a conquistare l’intera posta in palio. E lo ha fatto contro un Bassano incerottato ed in crisi di risultati, al termine di una prestazione concreta, priva di sbavature ma certamente non spettacolare. Si ha la sensazione che questa Samb sia più una formazione da trasferta che predilige agire di rimessa sfruttando le qualità dei suoi avanti. Questo secondo successo consecutivo permette ai rossoblù di chiudere con 44 punti conquistati, la questione salvezza e di puntare il mirino verso il sesto posto attualmente occupato dal Gubbio. Una posizione che permette a chi la acquisisce di giocare in casa il primo turno dei play off.

Sanderra conferma lo stesso undici di Bolzano, affidandosi ancora una volta alla sapiente regia di Armin Bacinovic. Il centrocampista sloveno, lo ripaga con una prova di sostanza, evidenziando anche una costante crescita sotto il profilo atletico. E sul gol vittoria della Samb c’è sempre il suo zampino. Ormai con Mancuso basta uno sguardo per capirsi. Al 16’ st, infatti, Bacinovic verticalizza verso il numero sette rossoblù che prova un gran diagonale. Palla sul palo ma ecco che arriva Di Massimo che controlla il pallone e con freddezza lo spedisce in fondo al sacco. Quarto centro stagionale per il giovane attaccante di Sant’ Omero.  E la prima ed unica chiara occasione da rete costruita dai rossoblù, cinici al momento giusto.

Per il resto la partita è stata tenuta in mano dal Bassano che, nonostante le assenze e la lunga crisi di risultati è stata sempre propositiva, mancando solo in fase realizzativa. In evidenza anche l’ottimo Aridità, che riscatta l’opaca prestazione di Bolzano con un intervento risolutore al 1’ della ripresa su conclusione di Laurenti. La Samb, comunque, ha il grande pregio di sapersi adattare agli avversari e di avere un atteggiamento camaleontico nell’ arco dei novanta minuti. Una dimostrazione di intelligenza ma anche di acume tattico cose che Sanderra chiede e vuole dalla sua squadra da quando ne ha preso la gestione.

Certo, non si è visto un gran calcio, ma come diceva Machiavelli, il fine giustifica i mezzi e ciò che premeva maggiormente ai rossoblù era di tornare alla vittoria tra le mura amiche. Domenica prossima ecco la trasferta di Salò contro la Prealpi uscita malconcia dalla trasferta di Fano. Un altro risultato positivo significherebbe consolidare l’attuale posizione di classifica e di guardare al futuro con rinnovato ottimismo.

Foto di Alberto Cicchini

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento