La Samb baby pareggia a Bergamo con l’ Albinoleffe e si porta a tre punti dal Gubbio

SAN BENEDETTO – La Samb strappa un punto all’ Atleti Azzurri d’ Italia di Bergamo. Uno 0-0 che soddisfa pienamente i rossoblù, giunti in terra orobica in formazione largamente rimaneggiata e cioè senza gli infortunati Mancuso e Mori e lo squalificato Bacinovic e che fa il paio con quello col Lumezzane di mercoledì scorso. Dall’ altra parte l’Albinoleffe cercava il successo che le avrebbe permesso di accorciare il divario con la formazione marchigiana, settima forza del girone. E alla vigilia questa, era una gara che poteva riservare parecchie insidie. Anche il tecnico lombardo Alvini, però, doveva fare a meno di elementi importanti, primo fra tutti l’ex Max Loviso, ma riusciva a recuperare l’attaccante Montella.

Era quindi, l’Albinoleffe la formazione deputata a prendere in mano il pallino del gioco. Sanderra presenta all’ ex Brumana di Bergamo, l’inedita coppia di centrali formata dai giovani Di Pasquale e Mattia che era stata provata nel secondo tempo col Lumezzane, con sulle fasce Rapisarda e Pezzotti. Damonte, poi, in cabina di regia supportato in mediana da Sabatino e Lulli. In avanti un tridente offensivo di età media di 22 anni con Vallocchia, Sorrentino e Di Massimo.Complessivamente erano cinque gli under in campo sin dal primo minuto. Particolarmente diligente è stata la prova di Rapisarda e Pezzotti che hanno limitato le folate offensive per dare manforte ai due ragazzi schierati al centro della difesa.

Ed è uscita fuori, così una partita particolarmente accorta da parte dei rossoblù che hanno limitato al massimo le iniziative dell’ Albinoleffe, uscendo dal guscio solo nei minuti iniziali del secondo tempo. Ma bisogna anche dire che i lombardi non hanno fatto poi molto per vincere la partita, denotando una certa sterilità in fase conclusiva. Certo è che senza Mancuso, la Samb perde tantissimo in attacco. Non per nulla il bomber lombardo ha realizzato finora venti reti, risultando il capocannoniere di tutta la Lega Pro.

La gara è vissuta su fiammate da una parte e dall’altra. Al 5’ pt è Aridità a respingere una conclusione di Montella dalla distanza. Al 32’ tiro cross di Gonzi con l’estremo difensore rossoblù, pronto a bloccare la sfera. La Samb si rende pericolosa  tre minuti dopo con una conclusione di Sabatino intercettata da Nordi. Partono forte i rossoblù nella ripresa. Dopo 48 secondi è Lulli ad impegnare nella respinta in angolo il portiere lombardo. Dal successivo corner spizzato da Sabatino, Nordi tocca il pallone quel tanto che basta per impedire a Di Pasquale il tap in porta.

Al 10’ viene annullato un gol all’ Albinoleffe di Nichetti su assist di Montella in netta posizione di fuorigioco. Al 25’ Sanderra si gioca la carta Latorre al posto di Di Massimo ed alla mezzora ecco che la Samb sfiora il vantaggio. Punizione dalla sinistra di Pezzotti, pasticcio difensivo dell’Albinoleffe con Nordi che manca l’intervento mentre un difensore devia il pallone sulla traversa. Dentro Agodirin per Vallocchia, ma al 44’ sono i padroni di casa ad avere una ghiotta occasione per vincere l’incontro.

Cross dalla sinistra di Anastasio con il pallone che attraversa tutta l’area piccola con nessun attaccante lombardo pronto a correggere in porta. Radi prende il posto di Di Pasquale, colto da crampi e dopo quattro minuti di recupero l’arbitro Guida di Salerno manda le due squadre sotto la doccia. La Samb con questo pareggio mantiene la settima posizione in classifica e si porta a tre lunghezze dal Gubbio con cui vanta il vantaggio dei risultati migliori negli scontri diretti. E sabato ecco la trasferta di Modena.

foto di repertorio di Alberto Cicchini

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento