Concorso di Poesia

La storia del vecchio stadio Ballarin, se ne parla con l’associazione Genius Loci

SAN BENEDETTO – Dopo la serata di gala che ha visto premiare la produzione e il regista della fiction Rai “Scomparsa”, l’associazione Genius Loci dà vita ad una nuova e importante iniziativa. Percorrendo la strada tracciata dallo spirito che ha portato alla nascita del sodalizio, quello cioè di valorizzare il territorio, l’associazione presieduta da Albino Scarpantoni e Marina Brancaccio dà il via ad una serie di appuntamenti incentrati suoi luoghi simbolo della città di San Benedetto coinvolgendo i personaggi che hanno contribuito a rendere importanti quei siti.

Il primo appuntamento si terrà nella serata di giovedì 12 aprile e sarà incentrato sul vecchio e glorioso stadio F.lli Ballarin. Si parlerà della Fossa dei Leoni e dei fasti della Sambenedettese che, nel piccolo impianto sportivo, ha vissuto i momenti più alti della propria storia calcistica divenendo un fenomeno sociale in grado di accomunare decine di migliaia di persone.

Oltre ai soci dell’associazione e alla stampa locale, saranno presenti alcuni dei personaggi che hanno orbitato proprio intorno alla Samb di quegli anni contribuendo, ciascuno a proprio modo, a rendere il vecchio stadio uno degli emblemi di quel mondo del pallone che non c’è più.

“Il Ballarin non è stato soltanto il tempio del tifo per i tifosi della Samb – spiegano i presidenti dell’associazione, Albino Scarpantoni e Marina Brancaccio – ma uno dei simboli nazionali di quel calcio di provincia intorno al quale alcune piccole realtà, come era la città di San Benedetto, sono cresciute”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...