Lettere al Direttore / Lezioni a distanza errore da non commettere

di Tonino Armata

SAN BENEDETTO – Egregio direttore, questa volta parte dal basso, dai territori, la chiusura delle scuole, il ritorno alla didattica a distanza. Ciò che per mesi è sembrato intoccabile, la presenza in classe di alunni e insegnanti, con il montare della seconda ondata ha cominciato a traballare. Poi è caduto. La Campania chiude le scuole fino al 30 ottobre. La Lombardia pensa di seguirla.

Non sarà stato Tremonti a dirlo (come ha più volte smentito), ma quando quattro governatori del Nord, tutti di centrodestra, si siedono al tavolo con il governo e chiedono la chiusura delle scuole superiori e il ritorno alla Dad (che oggi si chiama Did con qualche ragione, didattica integrativa a distanza) la convinzione che per vie spicce a quelle latitudini politiche prevalga l’dea che con la cultura non si mangia è riaffiorata per forza. Chiudiamo e non ci pensiamo più, perché i problemi correlati all’apertura delle scuole non li sappiamo risolvere, abbiamo altre priorità e amen.

Quindi, di cosa stiamo parlando? E perché, e questo è veramente irritante, se si devono fare operazioni tranchant, si propone subito di tagliare le gambe alla scuola, dopo aver detto tutti, con una retorica che dire appiccicosa è poco, che la ripartenza del Paese sarebbe stata solo con la riapertura della scuola in presenza?

Se la più grande saggezza è non avere paura, cominciamo dalla scuola, come ha detto un mese fa il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Vo’ Euganeo: “La scuola serve a formare cittadini consapevoli, a sconfiggere l’ignoranza con la conoscenza, a frenare le paure con la cultura”.

Ora non importa se e chi abbia rimesso sul tavolo delle decisioni l’ipotesi di tornare alle lezioni a distanza nelle superiori ed è normale e prudente che se ne discuta, ma c’è un confine che governo e Regioni devono saper vedere e difendere con le stesse energie dedicate a salute e lavoro ed è quello dell’istruzione.

I numeri dei bassi contagi in classe rappresentano una magra consolazione se messi accanto a un’altra cifra, gli oltre ottantamila insegnanti che ancora mancano, e alle immagini degli autobus carichi di ragazzi pigiati uno sull’altro in quasi tutte le città italiane.

Chiudere le scuole a marzo è stato doloroso, l’ammissione di una resa che ha lasciato un segno nell’apprendimento e nella serenità di migliaia di studenti – e madri e padri – perché in classe contano sì i professori ma anche il compagno di banco, il confronto quotidiano con il prossimo, la condivisione di successi e sconfitte, persino le divergenze e le liti.

È a scuola che mette le radici la società, è a scuola che spesso si trova una seconda famiglia, è a scuola che si impara la libertà con i limiti che ognuno di noi deve accettare per renderla di tutti. Chiuderla un’altra volta, anche se in parte, rischia di essere un errore non più rimediabile.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com