L’ex premier Romano Prodi alla Palazzina Azzurra con il suo libro L’Europa


SAN BENEDETTO – Romano Prodi presenta il libro “L’Europa” domenica 19 Giugno ore 21,30 alla Palazzina Azzurra. Ingresso libero, in caso di pioggia Auditorium TebaldiniConversa con il Professore il Presidente del Consiglio Regionale, Avv. Dino Latini.

Evento organizzato da” I luoghi della Scrittura” e dalla Libreria “Libri ed eventi” con il Patrocinio ed il contributo dell’Amministrazione comunale e della Regione Marche ed il Patrocinio del Consiglio Regionale.

ROMANO PRODI è un politicoeconomista e dirigente d’azienda italianoPresidente della Commissione europea (dal 1999 al 2004), Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana per due volte (dal 1996 al 1998 e dal 2006 al 2008) e una delle figure più importanti e iconiche della cosiddetta Seconda Repubblica.

Soprannominato Il Professore per la sua carriera accademica, è stato docente universitario di Economia e politica industriale all’Università di Bologna, nel 1978 Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato nel Governo Andreotti IV, presidente dell’IRI dal 1982 al 1989 e dal 1993 al 1994, presidente della Commissione europea dal 1999 al 2004 (Commissione Prodi) e dal 17 gennaio al 6 febbraio 2008 Ministro della giustizia ad interim.

Fondatore e leader de L’Ulivo, dal 23 maggio 2007 è stato presidente del Comitato nazionale per il Partito Democratico, e con la fondazione di quest’ultimo ne è stato Presidente dell’Assemblea Costituente Nazionale dal 14 aprile 2007 al 16 aprile 2008. Il 1º settembre 2008 ha creato la Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli[. Dal 12 settembre 2008 presiede il Gruppo di lavoro ONUUnione Africana sulle missioni di peacekeeping in Africa. Nell’ottobre 2012 è stato nominato Inviato Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per il Sahel. Dal 21 febbraio 2014 è presidente dell’International advisory board (Iab) di Unicredit.

Fin dalla Seconda guerra mondiale è apparso evidente che solo una consolidata e condivisa unione avrebbe potuto preservare i Paesi europei da nuovi, sanguinari conflitti. È nato dunque innanzitutto con questo intento il progetto europeo quando, nel 1957, sei Paesi fondatori hanno firmato in Campidoglio il Trattato di Roma. Motivato originariamente dal desiderio di pace, il cammino dell’UE è stato lungo e travagliato: dapprima come unione politica, poi economica, e via via con obiettivi sempre più ambiziosi sui diritti civili, il welfare, l’accoglienza.

Le vicende narrate attraverso le cento immagini iconiche di questo libro parlano al cuore e alla memoria del lettore: dalla ricostruzione postbellica alla caduta del muro di Berlino, dall’abolizione delle frontiere alla moneta unica, dal suffragio universale ai referendum, dalla ricerca scientifica all’Erasmus, fino alla recente, dolorosa uscita della Gran Bretagna.

Nessuno meglio di Romano Prodi, già presidente della Commissione europea – “padre” dell’euro e convinto sostenitore dell’allargamento dell’UE – poteva raccontare le tappe di quel cammino, i valori condivisi, le conquiste e le disillusioni; ma anche come l’Europa è entrata a fare parte della vita quotidiana dei suoi cittadini ampliando le prospettive delle nuove generazioni.

Pur non risparmiando uno sguardo lucido sulle contraddizioni e gli errori commessi negli anni, traspare dalle sue parole una fiducia indefessa nel progetto che lui stesso ha contribuito a costruire. Oggi più che mai la traumatica esperienza della pandemia globale ci ricorda che l’Unione Europea rappresenta una grande forza e non solo: è il nostro futuro.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...