Lu Campanò festeggia 52 anni con un’edizione speciale a colori che ripercorre gli eventi estivi del Circolo dei Sambenbedettesi

SAN BENEDETTO – Racconta l’estate che il Circolo dei Sambenedettesi ha allestito, con una veste grafica nuova, tutta a colori, lo speciale della rivista Lu Campanò, con la tradizionale Serata Azzurra celebrata alla Palazzina Azzurra e la serie di conferenze su storia e peculiarità gastronomiche del tradizionale piatto sambenedettese, con le partecipazioni alla tre giorni di Benedetto Brodetto e a quelle a Anghiò: “finalmente siamo riusciti a realizzare questo progetto, a celebrare il piatto tipico di San Benedetto, in accordo con Stefano Greco e con il comune”, sottolinea Gino Troli, presidente del CDS. Vi si trova anche una ampia documentazione della serata, che vede al centro l’attività di uno dei soci fondatori, Divo Colonnelli.

“Lu Campanò apre le sue pagine alla diffusione e allo studio del dialetto, ricordiamo che il Circolo è Istituto per la Conservazione del Dialetto e delle Tradizioni Popolari, con la pubblicazione di poesie e la loro lettura critica. Focus anche su elementi di dibattito cittadino – prosegue Troli – in prima pagina interveniamo per dire quanto possano essere fondamentali le destinazioni a contenitore museale di Villa Rambelli e dello storico Palazzo Municipale come sede per le associazioni culturali. Dunque, Lu Campanò prende in esame argomenti riguardanti la sanità, l’accoglienza turistica, l’organizzazione di attività sul territorio, la situazione difficile della marineria e del porto. Tutto ciò significa che la rivista che vanta ormai 52 anni di presenza sul territorio, offre le sue pagine alla discussione delle tematiche cittadine e intende farlo in maniera ancora più approfondita”.

Per  Troli: “la nostra estate alla Palazzina Azzurra è coincisa con l’ufficializzazione da parte della Federcalcio del riconoscimento del titolo sportivo US Sambenedettese alla società presieduta da Vittorio Massi. E non si poteva negare il giusto risalto all’avvenimento. Quale momento migliore se non alla Serata Azzurra? Proprio quando il Circolo presentava la prima versione del docufilm “Per i 100 anni della Samb: una squadra una città”.

La versione completa del film è in fase di preparazione e sarà presentata in autunno al teatro Concordia”.
“Magari un giorno riusciremo a portare la nostra rivista nelle edicole. Riusciamo in questo impegno gravoso perchè siamo in cima a questo gigante Lu Campanò, di cui siamo orgogliosi, utile a raccontare i fatti essenziali di San Benedetto, per un compito profondo e selettivo, nelle codificazioni di quelle che sono le tematiche della città”, afferma Patrizio Patrizi, direttore de Lu Campanò.

Grande rilievo è rivolto all’appuntamento, presso la sede del Circolo Nautico, con uno dei fondatori del Circolo e alla sua opera letteraria. Divo Colonnelli è stato ricordato per la sua proposta di realizzare il monumento al Gabbiano Jonathan al molo sud, opera dell’artista Mario Lupo, e con la lettura delle sue poesie grazie agli attori della Ribalta Picena, alla conferenza stampa rappresentata da Lorenzo Nico, inoltre ampio spazio alla mostra antologica di Marcello Sgattoni.
La circostanza è valsa anche per ricordare un altro socio fondatore del Circolo, Alberto Perozzi, con la rappresentazione di una sua commedia. Tra i prossimi eventi del Circolo rivolto ai soci, ci sarà il pranzo di sabato 28 ottobre , in programma al Ristorante dell’hotel Calabresi.

Stefania Mezzina

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...