Macerata, 370 studenti delle superiori a lezione sulle ludopatie e il gioco d’azzardo

MACERATA – Studenti, insegnanti e dirigenti scolastici marchigiani riuniti insieme al Teatro Don Bosco di Macerata per parlare di economia e legalità per combattere le ludopatie e del gioco d’azzardo. Nasce con questo obiettivo e per aiutare a riflettere sull’uso consapevole del denaro nella vita quotidiana, la “Giornata dell’Educazione Finanziaria per le Marche – EconomiAscuola, Fate il nostro gioco”, organizzata da UBI Comunità, la divisione di UBI Banca impegnata a diffondere e sostenere l’Educazione Finanziaria soprattutto tra i giovani usando strumenti semplici e innovativi.

L’evento vede la collaborazione della Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio e importanti istituzioni quali l’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche, la Regione Marche e si avvale del Patrocinio del Comune di Macerata. Alla manifestazione hanno partecipato oltre 370 studenti di 17 classi delle scuole secondarie di I e II grado: l’IPSEOA Varnelli di Cingoli, il liceo Classico Leopardi, l’Istituto Comprensivo Dante Alighieri e l’IIS Matteo
Ricci di Macerata.

Dopo i saluti di rito, la prima parte della giornata è stata dedicata a una riflessione, con gli studenti in sala, sui principali concetti di Educazione Finanziaria tramite gli interventi di Giovanna Boggio Robutti, Direttore Generale della Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio, Stefania Monteverde, Assessore alla scuola del Comune di Macerata, Paolo Nanni, Responsabile Servizio Dipendenze Patologiche ASUR Marche, Massimo Iavarone, Responsabile Progetti di Educazione Finanziaria dell’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche, Iolanda Rolli, Prefetto di Macerata, Roberto Gabrielli, Responsabile Macro Area Territoriale Marche Abruzzo di UBI Banca.

Dopo la tavola rotonda è seguito lo spettacolo divulgativo “Fate il nostro gioco” che ha presentato ai ragazzi in modo molto efficace i meccanismi del gioco d’azzardo, evidenziando effetti e trappole nelle quali è facile cadere. Proprio con lo scopo di prevenire la diffusione di questo pericoloso fenomeno tra i giovani “Fate il nostro gioco” ha illustrato, con una modalità particolarmente coinvolgente, le regole matematiche applicate alle varie forme di scommessa e al gioco d’azzardo, svelandone i lati nascosti, le scarse possibilità di successo e gli alti rischi di perdite finanziarie.

La mattinata si è conclusa con l’intervento di Vincenzo Algeri – Responsabile dell’Area UBI Comunità. “Lo scopo di questa iniziativa – ha dichiarato Algeri – che grazie alla collaborazione tra profit, non profit ed enti pubblici offre ai giovani marchigiani in sinergia con i loro insegnanti un’opportunità importante di sviluppo delle proprie competenze, è quello di preparare i giovani alla corretta gestione del denaro, fornendo loro degli strumenti di competenza finanziaria che sono ormai indispensabili per la loro stessa esistenza”.

“La finanza comportamentale, che sta alla base dell’educazione finanziaria, ci spiega come le persone si pongono di fronte ai rischi quando si tratta dei propri soldi-ha commentato Roberto Gabrielli, Responsabile della Macro Area Marche Abruzzo di UBI Banca- questi incontri ci permettono di spiegare ai ragazzi quelle nozioni economiche di base che diventano gli strumenti concreti per imparare a difendersi dalle insidie del gioco d’azzardo e avvicinarsi all’uso consapevole del denaro”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...